Sci di fondo, Coppa del Mondo 2016, Canmore. Skiathlon donne: Weng “brucia” Johaug ed è in testa al Tour

heidi-weng-9.3.2016.jpg

Heidi Weng rompe l’egemonia di Therese Johaug e vince in volata la quinta tappa del Tour de Ski Canada femminile che prevedeva la 15 km Skiathlon. Una gara a due per le norvegesi che si stanno giocando questa gara a tappe in Nord America e che sono divise (a favore di Weng) da soli 3” nella generale. Non c’è stata l’atteso dominio delle due più attese, visto che da dietro, dopo essersi staccate nella fase iniziale, un gruppo piuttosto nutrito di inseguitrici ha tenuto il ritmo delle prime ed è arrivato a circa 10” dalla coppia di testa.

Pronti via e in tecnica classica l’impressione di un film già visto è chiara. Therese Johaug e Heidi Weng, le due “vittime” della sprint di ieri, entrambe cadute nella discesa finale, vanno in fuga e per il primo dei due giri da 3 km e 750 metri le due norvegesi non alzano più di tanto il ritmo permettendo al gruppo delle inseguitrici (Kowalczyk, Diggins, Jacobsen le più attive) di cui fanno parte anche De Martin e Stuerz, di restare in scia.

Nel secondo giro Weng e Johaug accelerano e guadagnano qualche secondo (12), a seguire un gruppo molto “finlandese” con Niskanen, Oestberg, Parmakoski, Millonen, Kyllonenen e Von Siebenthal,m mentre si staccano Jacobsen, Kowalczyk, Kalla, Falla e anche De Martin che è sedicesima a 33” dalla vetta.

In avvio della frazione a tecnica libera cresce il vantaggio delle due battistrada rispetto al gruppo inseguitore a cui si accoda quasi subito Jacobsen a riequilibrare la geografia delle presenti (due norvegesi, quattro finlandesi e una svizzera, Von Siebenthal, che appare la più attiva). Al termine del primo giro, però, Von Siebenthal opera il forcing e avvicina il gruppo delle inseguitrici alla coppia norvegese Weng/Johaug, meno straripanti di altre volte. De Martin, prima delle azzurre, passa 15ma a 54” assieme ad una Kalla in chiara difficoltà, anche nella “sua” tecnica libera.

Nel giro finale non cambia granchè in testa. Volata a due per la vittoria con Weng che brucia Johaug, piuttosto ferma allo sprint con Jacobsen che completa l’ennesima tripletta norvegese, mettendosi alle spalle le finlandesi Parmakoski e Kylloenen che sopravanzano Oestberg, Niskanen, Mononen e Von Siebenthal, molto stanca nel finale, Prima del terzo gruppo la norvegese Slind, decima a 40”. Virginia De Martin perde un paio di posizioni in volata, rimontata da Fessel e Bjornsen e chiude comunque con un buon 18mo posto a 1’38” dalla testa. Seconda parte di sofferenza, invece, per l’altra azzurra Stuerz che conclude 40ma a 4’56” dalla vetta. Non era partita Gaia Vuerich che ha chiuso ieri la sua stagione con la mancata qualificazione nella sprint.

 

Lascia un commento

Top