Roller sports: alla scoperta del roller alpino italiano. Storia, sviluppi e atleti di punta degli spettacolari “slalom sull’asfalto”

roller-alpino.jpg

Continua il nostro viaggio nel mondo dei roller sports italiani. Stavolta è il turno del roller alpino, disciplina nata negli anni ‘90 grazie ad un gruppo di sciatori che ha creduto nell’utilità di utilizzare i pattini in linea per effettuare allenamenti estivi di slalom tra pali snodati, in totale assenza di neve. Questa idea si è sviluppata maggiormente in tre regioni: Veneto, Lombardia e Piemonte. Fuori dai confini italici, invece, Svizzera e Germania, seguite poi da Russia, Croazia e Repubblica Ceca sono state le prime realtà internazionali a prendere sul serio tale pratica sportiva.

Entrando maggiormente nei suoi dettagli tecnico-regolamentari, il roller alpino ha l’identico format delle gare di slalom dello sci alpino; esso però si svolge su strade perfettamente asfaltate, con una pendenza che va dal 7% al 15 %. I pali snodati vengono inseriti su apposite piastre in metallo, essi possono variare in base alla lunghezza del tracciato di gara, partendo da un numero di 30 unità fino ad arrivare a un massimo di 60. Oltre allo slalom speciale, le altre discipline del roller alpino sono lo slalom gigante e lo slalom parallelo, le gare si svolgono nelle canoniche due manches con sommatoria dei tempi e ricognizione del tracciato a piedi, senza pattini; alla partenza, viene posizionata una rampa di altezza che varia in base alla pendenza del tracciato, in modo da favorire una maggiore spinta iniziale.

Nel 2004 è stata costituita la IAEC (Inline Alpine Europa Cup) che, in modo amatoriale, ha inaugurato un circuito di gare a livello europeo, creando un vero e proprio Campionato tra nazioni. In questo periodo, l’Italia si è contraddistinta con Stefano Belingheri, capace di aggiudicarsi un Campionato Europeo e una Coppa Europa, e Massimiliano Losio, che ha conquistato nel 2008 e 2009 il Campionato Europeo Under 15 e contribuito in maniera decisiva a far innamorare di questa nuova disciplina i tanti ragazzi che stavano appena iniziando a conoscerla.

Nel corso di questi anni, il roller alpino si è diffuso sempre di più in diverse regioni italiane e anche nuove nazioni ne stanno facendo uno sport con dignità e valori tecnici assoluti. Non a caso, nel 2010 le federazioni rotellistiche di tutto il mondo, accortesi della sua crescita esponenziale (soprattutto grazie alla sua elevata spettacolarità), hanno organizzato in Germania, a Unterensingen, il primo Campionato del Mondo di roller alpino, ottenendo notevoli riscontri a livello di partecipazione, seguito, performances atletiche. A questo evento ha partecipato anche Roberto Marotta, segretario generale della FIRS, il quale ha creduto fermamente nella possibilità di introdurre il roller alpino all’interno del mondo del pattinaggio a rotelle azzurro.

Nel settembre 2011 è stato nominato dalla Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio “Responsabile tecnico roller alpino”, il piemontese Massimo Losio, assistito degnamente dal consigliere federale Michele Grandolfo. Nel 2014 la FIRS ha deciso – constatato il numero di 28 nazioni sparse in tutti i continenti interessate a stipulare una commissione ufficiale – di fondere roller alpino e downhill, creando la cosiddetta FIRS RAD TC (Fédération Internationale Roller Sports Roller Alpine & Downhill Technical Committee), nominando Presidente il tedesco Sigi Zistler.

Al momento, il roller alpino agonistico ad alti livelli è praticato solo in particolari aree dell’Italia Settentrionale, dislocate fra Piemonte, Lombardia, Veneto e qualche ristretta zona dell’Emilia-Romagna, ma negli intenti della Federazione c’è la decisa voglia (nonché “senso del dovere”) di diffondere questa spettacolare disciplina in tutte le regioni italiane, con la possibilità di creare un vero e proprio circuito nazionale di gare/campionati ufficiali.

I nostri attuali atleti di punta, da ranking internazionale, sono Massimiliano e Cristian Losio, che nella stagione scorsa si sono piazzati al 10° e all’11° posto della classifica finale di Coppa del Mondo. In occasione dei World Roller Games di Nanchino 2017, c’è da scommetterci, l’Italia proverà a schierare una rappresentativa numerosa e competitiva, includendo quelle giovani promesse che i tecnici federali stanno già seguendo da un po’.
Ad maiora, ragazzi!

Il calendario completo della stagione 2016 del roller alpino

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Foto: FIHP

 

Lascia un commento

Top