Milano-Sanremo 2016, i favoriti: Sagan in pole position ma Cancellara potrebbe mischiare le carte

Schermata-2016-01-30-alle-16.09.31.png

Meno di una settimana alla Milano-Sanremo 2016, la prima Classica Monumento della stagione. Una corsa che, come sempre, sarà caratterizzata dall’incertezza. Proviamo ad analizzare quali possono essere i favori per la Classicissima.

Peter Sagan – Lo slovacco sarà il faro della corsa. Campione del mondo in carica, è già salito una volta sul podio (nel 2013) e nelle ultime 3 edizioni non è mai uscito dai migliori 10. La Sanremo sembra disegnata per le sue caratteristiche: Cipressa e Poggio mettono in difficoltà i velocisti puri, mentre lui non dovrebbe patire queste salite. Sembra in forma ma nonostante tanti piazzamenti è ancora alla ricerca del primo successo stagionale. Ha chiuso la Tirreno-Adriatico due podi parziali e la seconda posizione nella classifica finale per la Tinkoff.

Alexander Kristoff – Il norvegese sa come si vincono le classiche monumento. Sanremo nel 2014, Fiandre nel 2015. Un velocista in grado di reggere le difficoltà e possente allo sprint. Se dovesse arrivare davanti agli ultimi 250 metri sarebbe molto difficile per tutti da superare. L’atleta della Katusha a fatto incetta di vittorie (5) tra Tour of Dubai e Tour of Oman mentre alla Kuurne-Bruxelles-Kuurne ha vinto lo sprint del gruppo valido per la seconda piazza. Alla Parigi-Nizza non ha brillato ma potrebbe aver lavorato in vista della Sanremo.

Michael Matthews  – L’australiano dell’Orica-GreenEDGE è pronto al definitivo salto di qualità e la Sanremo potrebbe essere il suo trampolino di lancio. Lo scorso anno fu terzo in una volata tiratissima dietro Degenkolb e Kristoff. Deve ancora vincere una classica di quelle vere ma lo scorso anno è stato terzo all’Amstel e secondo ai Mondiali. Come avvicinamento alla Sanremo ha scelto lo stesso percorso di 12 mesi fa correndo solo la Parigi-Nizza conquistando due vittorie di tappa (di cui una nel prologo a dimostrazione che le gambe girano bene).

Fabian Cancellara – In questa prima parte di stagione sembra volare. È l’ultimo anno nel mondo del ciclismo e vuole senza dubbio lasciare il segno. Ha vinto questa corsa nel 2008 e tra il 2011 e il 2014 è sempre salito sul podio a dimostrazione delle potenzialità su questo percorso. Da lui dipenderà, probabilmente, gran parte della gara: sembra l’unico in grado di spezzare l’equilibrio e di fare la differenza sul Poggio per provare a portare via un gruppetto. Negli ultimi chilometri sarà vietato perderlo di vista per gli altri contendenti: con questa forma potrebbe provare ad arrivare solitario all’arrivo. Alla Tirreno-Adriatico ha dominato la cronometro conclusiva ma per il resto si è messo a disposizione della Trek-Segafredo con qualche trenata che ha messo in difficoltà tutto il gruppo.

Fernando Gaviria – Recentemente Campione del mondo su pista dell’Omnium, non può che essere inserito tra i favoriti nonostante non abbia mai corso questa gara. Il colombiano della Etixx-QuickStep è tutto da scoprire in queste gare ma la sensazione è che possa fare bene sin da subito. Regge le asperità e in volata è un vero fenomeno. La Sanremo, in futuro, potrebbe essere la sua corsa ma già in vista di sabato fa paura a tanti. Alla Tirreno-Adriatico ha conquistato una vittoria di tappa.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Pagina Facebook Trek Segafredo

Lascia un commento

Top