Volley, pre-olimpico Ankara: l’Italia cede 3-1 alla Russia. Azzurre con le spalle al muro

valentina-diouf.jpg

Inizia con una sconfitta il pre-olimpico di volley femminile per l’Italia. Ad Ankara le azzurre si arrendono 3-1 alla Russia (16-25, 25-23, 19-25, 21-25) ed ora saranno obbligate a cogliere due vittorie con Belgio e Polonia per accedere in semifinale e continuare a rincorrere l’obiettivo a cinque cerchi.

Una selezione tricolore, a dispetto del secondo parziale vinto, mai davvero in partita, tramortita da un’avversaria apparsa nettamente superiore in tutti i fondamentali. Troppe le lacune evidenziate dall’Italia, oltretutto con il ct Marco Bonitta apparso a tratti in confusione. Ricezione e attacco le lacune principali, ma non hanno funzionato neppure il servizio e le fasi di rigiocata. Una squadra apparsa addirittura involuta anche rispetto all’ultimo, deludente Europeo, chiuso al settimo posto. Salire sul podio di questo pre-olimpico sarà un’impresa ardua.

Nel primo parziale la Russia scappa sul 10-5. Le azzurre reagiscono e, trascinate dai muri di Cristina Chirichella, risalgono sul 12-12. Qui si spegne la luce. Lucia Bosetti, Antonella Del Core e Nadia Centoni faticano terribilmente contro il muro dell’Est Europa e le avversarie piazzano un nocivo break di 8-1 che taglia le gambe.

L’inerzia cambia leggermente nel secondo parziale. La compagine del Bel Paese, sotto 10-6, riesce a risalire e giocarsi il set punto a punto. Viene fuori tutta l’esperienza di Del Core, preziosissima con i suoi mani-fuori con il muro avversario. Un errore in ricezione della Russia regala il 25-23 alla nostra Nazionale. Ma è il pareggio resta una mera illusione.

Nella terza frazione si ripete il copione del primo parziale. La Russia va a segno con irrisoria facilità grazie agli attacchi letali di Nataliia Obmochaeva e Tatiana Kosheleva, mentre Bonitta non sa più che pesci prendere: nessuna tra Centoni, Diouf, Del Core e Bosetti riesce a fornire garanzie. Non c’è storia, le rivali acquisiscono rapidamente un cospicuo margine di vantaggio e chiudono sul 25-19.

Nel quarto set Bonitta si gioca il tutto per tutto con le giovani: dentro Orro, Egonu e Danesi (Chirichella ancora non al meglio dopo l’infortunio), in pratica tutte le ragazze del Club Italia a disposizione. L’unica apparsa pronta per questi livelli è stata Paola Egonu, la migliore in campo. La 17enne ha attaccato senza paura, andando a segno con continuità e non dimostrando alcun timore reverenziale. L’impressione è che d’ora in poi la selezione tricolore non possa fare a meno di questa giovane schiacciatrice. Malgrado un’ottima Egonu, tuttavia, l’Italia non riesce a contrastare la Russia. Diouf murata a ripetizione, ricezione balbettante ed un servizio troppo ‘morbido’ portano le rivali sul 23-16, prima del definitivo 25-21.

Con due fuoriclasse assolute come Kosheleva e Obmochaeva, autrici rispettivamente di 20 e 18 punti, la Russia ha palesato una forza d’urto inarrestabile per l’Italia attuale. Nessuna azzurra è riuscita a raggiungere la doppia cifra, a testimonianza della grande fatica di un attacco che preoccupa anche in vista di Belgio e Polonia. Ora l’Italia è con le spalle al muro. Le prossime avversarie, pur inferiori sulla carta, non andranno assolutamente sottovalutate, oltretutto con una posta in palio altissima. La sensazione è che l’Italia vista oggi farà fatica contro chiunque. Serve cambiare passo per arrampicarsi sull’irto Everest chiamato Rio 2016.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

federico.militello@oasport.it

Lascia un commento

Top