Storia delle Olimpiadi: Giovanna Trillini, la “mamma” del Dream Team rosa del fioretto italiano

Giovanna-Trillini-Libera.jpg

Per la fiorettista italiana Giovanna Trillini il motto decoubertiniano “l’importante non è vincere ma partecipare” sarà stato anche onorabile ma non è riuscita, a conti fatti e carriera finita, a rispettarlo alla lettera: cinque partecipazioni olimpiche, sempre a medaglia, quattro ori complessivi

A livello individuale, oro nel 1992, un argento (2004) e due bronzi (1996 e 2000), tre ori di fila dal 1992 al 2000 nella prova a squadre (a Barcellona, con Francesca Bortolozzi, Diana Bianchedi, Margherita Zalaffi e Dorina Vaccaroni, ad Atlanta con Francesca Bortolozzi e Valentina Vezzali e a Sydney, con Diana Bianchedi e Valentina Vezzali). Il poker aureo consecutivo fu materialmente irrealizzabile dal momento che la prova a squadre venne tolta dal programma olimpico dei Giochi ateniesi del 2004 per far debuttare la sciabola femminile.

Come chiusura di un curriculum a cinque cerchi impreziosito perennemente da un metallo al collo, il bronzo di squadra a Pechino assieme a Margherita Granbassi, Ilaria Salvatori e Sua Maestà Vezzali. Un modo più che degno per salutare le pedane olimpiche, a 38 anni.

Dopo Valentina Vezzali, la Trillini è l’atleta italiana che ha vinto più medaglie d’oro ai Giochi.
Entrambe sono rappresentanti della scuola iesina, fondata dal compianto maestro Ezio Triccoli, uno degli epicentri della tradizione schermistica italiana. Iesi caput mundi, la città più medagliata sulla Terra nella storia delle Olimpiadi, con il suo palmarès che annovera ben 22 medaglie, di cui 14 d’oro, 2 d’argento e 6 di bronzo.

Portabandiera azzurra durante la cerimonia d’apertura delle Olimpiadi di Atlanta, Giovanna Trillini ha tutte le credenziali per essere considerata la madre putativa del Dream Team rosa del nostro fioretto, una squadra che non ha mai smesso di regalarci emozioni e medaglie.

 

Storia delle Olimpiadi, prima puntata: Dorando Pietri
Storia delle Olimpiadi, seconda puntata: Ondina Valla
Storia delle Olimpiadi, terza puntata: Gian Giorgio Trissino
Storia delle Olimpiadi, quarta puntata: Pietro Mennea
Storia delle Olimpiadi, quinta puntata: Abebe Bikila
Storia delle Olimpiadi, sesta puntata: il massacro di Monaco 1972
Storia delle Olimpiadi, settima puntata: Jesse Owens
Storia delle Olimpiadi, ottava puntata: Mauro Checcoli
Storia delle Olimpiadi, nona puntata: Antonella Bellutti
Storia delle Olimpiadi, decima puntata: Paola Pezzo
Storia delle Olimpiadi, undicesima puntata: Nino Benvenuti
Storia delle Olimpiadi, dodicesima puntata: Vincenzo Maenza
Storia delle Olimpiadi, tredicesima puntata: l’oro maledetto dell’Italvolley
Storia delle Olimpiadi, quattordicesima puntata: i fratelli Abbagnale
Storia delle Olimpiadi, quindicesima puntata: Clemente Russo
Storia delle Olimpiadi, sedicesima puntata: Sara Simeoni
Storia delle Olimpiadi, diciassettesima puntata: Pino Maddaloni
Storia delle Olimpiadi, diciottesima puntata: Klaus Dibiasi
Storia delle Olimpiadi, diciannovesima puntata: Alberto Cova
Storia delle Olimpiadi, ventesima puntata: Edoardo Mangiarotti
Storia delle Olimpiadi, ventunesima puntata: Daniele Masala
Storia delle Olimpiadi, ventiduesima puntata: Novella Calligaris
Storia delle Olimpiadi, ventitreesima puntata: il Settebello 1992
Storia delle Olimpiadi, ventiquattresima puntata: Giorgio Cagnotto
Storia delle Olimpiadi, venticinquesima puntata: il Setterosa 2004
Storia delle Olimpiadi, ventiseiesima puntata: Nedo Nadi
Storia delle Olimpiadi, ventisettesima puntata: Gelindo Bordin

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

 

 

Lascia un commento

Top