Calcio a 5, Europei 2016: le avversarie del girone dell’Italia. Repubblica Ceca bestia nera

26073_850px.jpg

Parte la rincorsa dell’Italia di calcio a 5 verso gli Europei di specialità, previsti a Belgrado (Serbia) dal 2 al 13 febbraio. Gli azzurri di Roberto Menichelli, inseriti nel gruppo D, sfideranno nella fase a gironi l’Azerbaijan il 3 febbraio alle 21 e la Repubblica Ceca alla stessa ora. Le prime due di ogni raggruppamento avanzeranno ai quarti di finale. Nel 2014, ad Anversa (Belgio), Lima e compagni si laurearono campioni d’Europa battendo 3-1 la Russia.

AZERBAIJAN

Gli appassionati di futsal ricordano ancora la partita decisiva per superare il girone di due anni fa. Gli azzurri erano costretti a vincere dopo aver perso all’esordio con la Slovenia per 3-2 e, raccogliendo tutta la propria maggior esperienza, superarono gli azeri con un netto 7-0, siglando anche due reti con i portieri Mammarella e Miarelli in situazione di porta sguarnita per i rivali. Adesso le due squadre si ritroveranno faccia a faccia per la prima partita del gruppo, quella che potrà indirizzare l’intera manifestazione. L’Azerbaijan è alla sua quarta partecipazione di fila: l’ha raggiunta battendo ai playoff la Slovacchia (3-1 all’andata, 1-1 al ritorno). Nel 2010 arrivò sorprendentemente in semifinale, perdendo solo ai rigori contro i maestri del Portogallo. Il nuovo allenatore, lo spagnolo Faustino Pérez, ha vinto due Uefa Futsal Cup con il Playas de Castellón a inizio millennio, raggiungendo anche due finali con i russi della Dynamo. La rosa vanta in Vitaliy Borisov il terminale offensivo più pericoloso con 13 gol in 24 presenze. Il portiere Rovshan Huseynli, classe 1991, garantisce affidabilità. “Sono certo che saremo solidi e difficili da battere“, ha detto al programma ufficiale della Uefa. “Pérez ha dato un nuovo volto all’Azerbaijan, sono aggressivi e di recente hanno vinto il loro Main Round per i Mondiali“, il commento del ct azzurro Roberto Menichelli nel corso di un’intervista per Vivo Azzurro.

REPUBBLICA CECA

I precedenti recenti tra Italia e Repubblica Ceca non sorridono agli azzurri. In una doppia amichevole di inizio 2015 arrivò un successo per parte, nella Futsal Continental Cup di fine 2014 gli azzurri persero addirittura in semifinale ai calci di rigore. “E’ una squadra che ci fa giocare male, con cui soffriamo sempre. Sono fisici e contropiedisti“, ha avvisato Menichelli. E per questo sarà un‘avversaria tosta, da non sottovalutare. La colonna portante è il portiere Libor Gerčák, provvidenziale nei playoff di qualificazione contro la Bielorussia (2-1 e 1-1) con tante parate decisive. Con il capitano Lukáš Rešetár, Roman Mareš e l’attaccante Michal Seidler, Gerčák è il veterano di una rosa che, per il resto, è cambiata parecchio rispetto all’ultima edizione, terminata con un’eliminazione al primo turno. Nel 2010 la Repubblica Ceca conquistò il suo miglior risultato agli Europei, un terzo posto. “Puntiamo ai quarti di finale, ogni partita inizia da 0-0 e vogliamo giocarcela contro tutti”, le parole del ct Tomáš Neumann, in carica dal 2005. In caso di passo falso con l’Azerbaijan, la sensazione è che la Repubblica Ceca – teste di serie escluse – rappresenti uno dei rivali peggiori in un eventuale dentro o fuori per l’Italia. Che però, da campione in carica, vuole continuare a giocare ad alti livelli e ha tutte le qualità per non spaventarsi.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Divisione calcio a 5 (l’Italia festeggia dopo aver battuto l’Azerbaijan a Euro 2014)

Lascia un commento

Top