Ginnastica, Novara Cup – Italia verso i Mondiali: come stanno le azzurre? L’ultima gara…

Carlotta-Ferlito-4-Ginnastica-Renzo-Brico.jpg

Domani pomeriggio l’Italia disputerà la Novara Cup contro Romania, Belgio e Spagna. Ultima gara prima dei Mondiali 2015 di ginnastica artistica e prova utile per comprendere meglio le carte azzurre. Vediamo più nel dettaglio lo status e le ambizioni delle sette azzurre ai nastri di partenza.

 

VANESSA FERRARI – Il test per comprendere il suo stato di forma e valutarla in gara. Un anno difficile per la Campionessa del Mondo 2006 tra la mononucleosi e i problemi al tendine d’Achille ma la capitana non demorde e cerca il body azzurro per il suo ennesimo Mondiale. Nel mirino le Olimpiadi 2016 per inseguire il sogno di tutta una carriera.

ERIKA FASANA – Atteso lo Tsukhara avvitato al corpo libero e una nuova riprova del suo status attuale nonostante la frattura da stress alle tibie che ha un po’ complicato il percorso di avvicinamento ai Mondiali. Ormai solido il suo doppio avvitamento al volteggio, gli occhi saranno puntati soprattutto sul quadrato. L’assenza di Rizzelli renderà le sue parallele ancora più importanti: sono cresciute molto nell’ultima stagione.

 

ENUS MARIANI – L’esercizio da 6.0 alle parallele sarà la base dell’Italia ai Mondiali ma andrà condotto perfettamente dall’inizio alla fine perché il potenziale è elevatissimo come dimostrato durante le Finali della Golden League. Dopo i noti problemi degli ultimi due anni la convocazione per la rassegna iridata è ormai in tasca. Sarà molto importante anche la trave.

CARLOTTA FERLITO – Tutti gli occhi sulla trave che, in termini di difficoltà, è la migliore delle squadra azzurra. Si è avvicinata (e ha anche superato) i 15 punti nelle uscite dell’ultimo mese. A Jesolo si orientò su quei risultati (naturalmente aggiungendo il punto per la caduta) durante la prova a squadre

ELISA MENEGHINI – Nelle gambe avrebbe il doppio avvitamento al volteggio che, dopo l’infortunio della Rizzelli, potrebbe avere un’elevata valenza. Durante la finale di specialità degli Assoluti è finalmente entrata la trave dopo 3 cadute consecutive nel mese di settembre, esercizio cruciale per le sorti del nostro Paese.

 

TEA UGRIN – Due settimane fa ha realizzato un autentico numero laureandosi Campionessa d’Italia grazie a una buona continuità sui quattro attrezzo e inserendo delle belle novità. Ora la triestina è chiamata alla seconda prova d’efficienza e a dare una risposta in vista dei Mondiali dove ormai è certa di andare.

LARA MORI – Lo scorso anno fu la grande rivelazione dei Mondiali dove diede un contributo decisivo per i nostri colori. Ha recuperato bene dall’infortunio di Serie A ed è in crescita come dimostrato nelle ultime uscite. Attenzione alla sua trave e al corpo libero.

 

Articoli correlati:

Novara Cup – Programma, orari, tv e streaming: Italia sfida Romania prima dei Mondiali

Novara Cup – Italia, ultimo esame prima dei Mondiali. Testare le condizioni delle azzurre e scegliere il sestetto

Novara Cup – Italia verso i Mondiali, come stanno le azzurre? Le 7 ragazze ai raggi X, obiettivi e forma

Novara Cup – Le convocate della Romania: Larisa Iordache e compagne sfidano l’Italia

Novara Cup – Le convocate della Spagna: ritorna Roxana Popa!

Novara Cup – Le convocate del Belgio: Mys e Verschueren verso i Mondiali

Foto: Renzo Brico

Lascia un commento

Top