Tennistavolo: quando l’Italia vinceva in Europa e faceva paura al mondo

Negrisoli-Monfardini-Stefanova-tennistavolo-foto-flickr.jpg

E’ stato un periodo rapido, in pochi lo sanno ma è successo veramente: l’Italia ha vinto in Europa e spaventato il mondo nel tennistavolo. Stiamo parlando dei magici anni Duemila, conditi dalle imprese dei naturalizzati (niente meno che dalla Cina) Yang Min e Wenling Tan Monfardini. Nell’albo d’oro delle varie principali rassegne internazionali si contano un oro, due argenti e cinque bronzi. Di cui uno anche iridato, per altro l’unica gioia declinata al maschile. Era il 2000 e, ai Mondiali a squadre di Kuala Lumpur, gli azzurri Yang Min, Massimiliano Mondello, Valentino Piacentini e Umberto Giardina furono terzi insieme al Giappone dietro a Svezia e Cina. La vittoria scandinava rimane anche l’ultima del dominio asiatico che dura ormai da quasi quindici anni.

I trionfi al femminile, ben più numerosi ma sempre limitati al Vecchio Continente, hanno invece una data di inizio ben precisa. E che evidenzia al meglio cos’era l’Italia del tennistavolo a quei tempi. Sono passati appena dodici anni, ma pare una vita fa. Nel 2003, nella nobile Courmayeur, furono organizzati gli Europei. L’Italdonne di Wenling Tan Monfardini, Nikoleta Stefanova e Laura Negrisoli vinse in casa l’oro a squadre, risultando anche grande protagonista nel singolo con Monfardini d’argento e Stefanova di bronzo. La formazione rosa si sarebbe poi confermata nel 2005 (ad Aarhus, Danimarca) e nel 2007 (a Belgrado) con due terzi posti prima di una contestabile diaspora – pare – orchestrata dai piani alti della federazione, mentre la carriera individuale magica dell’italo-cinese Monfardini è continuata fino al bronzo nel 2008 a San Pietroburgo.

Ancor meglio andò con il doppio femminile, in grado di conquistare medaglie per quattro edizioni consecutive degli Europei, dal 2005 al 2009. Sempre la premiata ditta Monfardini-Stefanova fu infatti terza ad Aarhus e Belgrado prima di scalare il podio di una posizione con gli splendidi argenti di San Pietroburgo e Stoccarda. Proprio la gemma tedesca è stata l’ultima prima del ricambio generazionale mai avvenuto del tutto, o comunque privo di campioni come un tempo, tant’è che Laura Negrisoli a oltre 40 anni fa ancora la differenza in campionato con ben 18 titoli all’attivo. Adesso, a un giorno dal via della manifestazione di Ekaterinburg, lo scenario è negativo: squadre in Challenge Division (Serie B) e zero possibilità di podio nei tornei di singolo e di doppio. Cos’è successo? Crisi economica e soprattutto istituzionale, per uno sport molto praticato sulle spiagge ma poco diffuso e conosciuto a livello agonistico. I fasti di inizio millennio sono più lontani di quanto suggerisca il calendario.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Flickr

Lascia un commento

Top