Giro di Lombardia 2015, il percorso: da Bergamo a Como 245 chilometri con il Muro di Sormano

Schermata-2015-09-29-alle-11.31.59.png

Domenica si disputerà la quinta e ultima classica monumento della stagione: il Giro di Lombardia. Classico appuntamento che di fatto pone fine alla stagione ciclistica, quest’anno sarà caratterizzato da un percorso molto esigente.

Partenza da Bergamo e primi 50 chilometri in pianura che porteranno alla prima ascesa di giornata, il Colle Gallo. Sette chilometri con una pendenza media del 6% e punte al 10, ma il gruppo dovrebbe passarlo senza particolari problemi. Altra pianura prima della seconda asperità di giornata, il Colle Brianza, la cui vetta è posta 116 chilometri dopo la partenza. La salita è facile e di fatto è solo un antipasto. Al chilometro 172, in località Regatola, si accenderà la corsa.

In primis con il Ghisallo, salita che ha fatto la storia di questa corsa. In totale sono 8 chilometri al 6% di pendenza, ma la parte centrale della salita spiana e addirittura presenta una contropendeza. I primi 3500 metri sono al 9%, con pendenza massima del 14%. Nel finale torna nuovamente a salire, con un ultimo chilometro ancora al 9% di media che arriva fino al 12.

Breve discesa e poi si torna di nuovo a salire verso la Colma di Sormano. Dopo 5 chilometri di salita agevole si svolta per il Muro di Sormano. Un vero e proprio mostro di 1920 metri con un dislivello di 304 metri. Facile intuire che la pendenza media arriva oltre 15%, mentre il tratto più duro arriva persino al 26%. Qui, probabilmente, il gruppo si selezionerà e si spezzerà in maniera irreparabile.

Dopo la discesa ci saranno una quindicina di chilometri di pianura che condurranno i corridori verso Como: da lì, però, ancora salita con il Civiglio, posto a 17 dalla conclusione. La salita è dura, oltre 4 chilometri al 9% che dopo oltre 220 chilometri di gara possono già risultare decisivi. Nel finale un’altra ascesa al San Fermo della Battaglia, quasi 3 chilometri al 7%. Le rampe più dure sono poste in cima e arrivano fino al 10%: una crisi potrebbe nascondersi dietro ogni curva. Una volta scollinati ancora discesa fino all’ultimo chilometro, tutto in piano per la passerella finale di un vincitore in solitario o per un’eventuale volata ristretta in quel di Como. 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Tag

Lascia un commento

Top