Vuelta a España 2015, ottava tappa: Puebla de Don Fadrique-Murcia

Stage-1420909545.png

La carovana della Vuelta a España 2015 può parzialmente respirare nell’ottava tappa di una prima settimana infernale. Dopo due arrivi in salita consecutivi, infatti, i 186,6km tra Puebla de Don Fadrique e Murcia prevedono il secondo traguardo completamente piatto della Vuelta. Eppure, l’altimetria parla chiaro: un arrivo pianeggiante potrebbe non bastare per garantire uno sprint di gruppo.

Dopo otto giornate, il plotone abbandona l’Andalusia con la partenza dal piccolo comune spagnolo ma dovrà attendere oltre 100km per tornare a correre senza dislivelli (e nemmeno per molto…), visto il percorso estremamente frastagliato della prima parte caratterizzato da lunga ed irregolare discesa. Una volta a valle, per i corridori i chilometri di tregua saranno tuttavia una trentina, perché la regione murciana accoglierà la Vuelta con la doppia ascesa – tutto fuorché banale – dell’Alto de la Cresta del Gallo, un Gpm di terza categoria da ripetere due volte nel giro di 25km. L’ultimo scollinamento avverrà a soli 16km dal traguardo, per cui molto difficilmente a Murcia si arriverà in situazione di gruppo compatto. La particolare altimetria della tappa si presta dunque a molteplici interpretazioni: potrebbe favorire una fuga ma anche premiare gli sprinter capaci di tenere le ruote del gruppo dei migliori, oppure creare una selezione che potrebbe portare gli uomini da classiche a giocarsi il successo. D’altronde, l’ultima volta che Murcia ospitò l’arrivo di una tappa della Vuelta, nel 2009, la vittoria andò a Simon Gerrans

Twitter: @panstweet

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

daniele.pansardi@oasport.it

 

Tag

Lascia un commento

Top