Canoa velocità, Mondiali Milano 2015: Ripamonti-Dressino-Battelli-Ricchetti, il K4 azzurro va veloce

canoa-velocità-foto-federazione-canoa-fb.jpg

E’ iniziato il conto alla rovescia per i Mondiali di canoa velocità in programma dal 19 al 23 agosto all’Idroscalo di Milano. Dal ritiro di Mantova dove si sta allenando la nazionale kayak maschile sono arrivati importanti indicazioni dal K4 1000 m, barca che avrà nei Mondiali di Milano, l’unica occasione per centrare i dieci pass olimpici a disposizione (con almeno 4 continenti rappresentati).

In funzione di questo regolamento per l’Italia sarà necessario arrivare tra le prime sette barche europee, obiettivo non impossibile per gli azzurri nonostante i risultati non brillanti di questo 2015. Mai in grado di centrare la finale tra Coppa del mondo ed Europei, il K4 tricolore sembra aver trovato il suo quartetto ideale nei recenti test di Mantova, dove Nicola Ripamonti, Giulio Dressino, Albino Battelli e Alberto Ricchetti hanno battuto nettamente la canoa di Franco Benedini, Antonio Scaduto, Andrea Facchin e Mattia Colombi.

Senza fuoriclasse alla Antonio Rossi ma con un bel mix di atleti navigati e giovani in rampa di lancio, il K4 risulta la barca con più possibilità di centrare la qualificazione olimpica sui 1000 metri. Prendendo in considerazione i risultati della passata rassegna iridata, in cui soltanto sette nazioni parteciparono a tutte e tre le gare sui 1000 metri e la sola Repubblica Ceca capace di centrare un doppio podio tra K1 e K4, sarà perciò fondamentale per l’Italia schierare il miglior quartetto possibile, “sacrificando” le altre due distanze, per le quali ci saranno comunque altre occasioni per centrare il pass a cinque cerchi qualora non dovesse arrivare la qualificazione nel K4.

Foto federazione italiana canoa kayak

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@oasport.it

 

 

Lascia un commento

Top