Nuoto di fondo, Mondiali Kazan 2015: Anderson firma il bis! Van Rouwendaal scoppia

Bandiera-Usa-libera.jpg

A meno di 500 metri dalla fine, con già l’imbuto conclusivo nel mirino, la nazionale olandese era pronta a festeggiare l’oro di Sharon Van Rouwendaal, prima fin dalle bracciate iniziali nella 5 chilometri di nuoto di fondo dei Mondiali di Kazan 2015. Invece poi accade l’impronosticabile: Haley Anderson, campionessa della specialità a Barcellona 2013, fiuta le difficoltà della rivale e tenta l’assalto. La statunitense passa, l’olandese crolla. E si arriva allo sprint con la situazione invertita.

Anderson si invola verso la doppietta: dopo la Spagna, anche la Russia si inchina alla fuoriclasse a stelle e strisce (58’48”4). Van Rouwendaal, allenata da Philippe Lucas, scivola addirittura fuori dal podio: la passano pure la greca Kalliopi Araouzou (58’49”8) e la tedesca Finnia Wunram (58’51”0) e i suoi compagni di squadra, in tribuna, quasi non ci credono. Ora l’olandese, esplosa a Berlino 2014, dovrà tentare il riscatto nella 10 chilometri, con in palio anche dieci pass olimpici.

Le azzurre, senza grandi ambizioni di medaglia, si staccano fin da subito. Il ritmo di Van Rouwendaal è insostenibile (anche per lei stessa, come si vedrà allo sprint) e Arianna Bridi e Martina Grimaldi sanno di non poter tenerle testa. L’esordiente, classe 1995, tocca nona al traguardo in 59’12”9, mentre la bolognese – nell’unica gara del suo Mondiale al termine di una stagione oltremodo complicata a livello motivazione – è undicesima (59’16”0). Alle 12 toccherà agli uomini.

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Lascia un commento

Top