Judo, Universiadi Gwangju 2015: Matteo Piras medaglia di bronzo, vince An Ba-Ul. Dorjsuren infaticabile

Judo-Matteo-Piras-EJU.png

La terza giornata di combattimenti alle Universiadi di Gwangju 2015 ha regalato all’Italia la prima medaglia nel judo. L’autore del risultato è il ventunenne Matteo Piras, che si è classificato terzo nella categoria 66 kg.

Sconfitto al primo turno dal russo Anzaur Ardanov per ippon, Piras ha poi potuto accedere al tabellone dei ripescaggi grazie alla finale raggiunta proprio da Ardanov. L’azzurro ha così battuto per ippon il mongolo Purevdavaa Bat-Erdene, il brasiliano Marcelo Kenji Fuzita ed il lituano Kestutis Vitkauskas, accedendo alla semifinale per il bronzo. Qui Piras ha ingaggiato una bella battaglia con il kirghizo Bektur Rysmanbekov: entrambi i judoka hanno messo a segno uno yuko, ma il rappresentante dell’Università “Guglielmo Marconi” di Roma ha avuto la meglio grazie al conteggio degli shido (tre a uno), tornando su un podio internazionale dopo il terzo posto ottenuto ad inizio stagione all’European Open di Sofia. Ardanov avrebbe poi conquistato l’altro bronzo, mentre nel match per la medaglia d’oro il padrone di casa An Ba-Ul, vincitore dell’European Open di Varsavia, si è imposto per ippon sul francese Alexandre Mariac.

Nella categoria 52 kg femminile, la diciannovenne giapponese Mako Uchio ha confermato il suo talento andando a battere per ippon un’altra giovane di grandi prospettive come la rumena Alexandra Larisa Florian. Completano il podio l’ucraina Tetiana Levytska e la svizzera Evelyne Tschopp. L’azzurra Elena Moretti ha esordito battendo per ippon la rappresentante di Taipei, Chen Chin-Ying, ma è poi stata eliminata dalla brasiliana Eleudis Valentim.

La mongola Sumiya Dorjsuren ha invece dominato la competizione della categoria 57 kg. La ventiquattrenne era sul tatami solamente tre giorni fa al Grand Prix casalingo di Ulaanbaatar, dove ha conquistato la medaglia d’oro, e si è ripetuta quest’oggi alle Universiadi sconfiggendo per ippon la croata Andrea Bekić. Per lei si tratta del quarto titolo stagionale, avendo già conquistato il gradino più alto del podio al World Masters di Rabat ed al Grand Prix di Tbilisi. Le medaglie di bronzo sono andate alla sudcoreana Kim Jan-Di ed alla giapponese Anzu Yamamoto. L’azzurra Valentina Giorgis ha battuto la svizzera Larissa Csatari e la russa Anastasiia Konkina, prima di cedere contro Bekić e, nei ripescaggi, contro la cinese Li Xiangdong.

L’ultima finale di giornata è stata quella della categoria 73 kg, dove An Chang-Rim ha offerto alla Corea del Sud il secondo titolo di giornata. Campione asiatico senior e campione mondiale junior in carica, il ventunenne ha impiegato solamente ventitré secondi per sconfiggere l’ucraino Dmytro Kanivets, che comunque può essere molto soddisfatto per la conquista dell’argento. Sul gradino più basso del podio troviamo l’azero Huseyn Rahimli ed il giapponese Yuji Yamamoto.

Domani il programma del judo a Gwangju 2015 proseguirà con le competizioni delle categorie di peso più basse, la 48 kg femminile e la 60 kg maschile, e le attesissime categorie Open, sia al maschile che al femminile.

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine. EJU

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top