Nuoto, Giochi Europei Baku 2015: l’Italia si congeda con tre ottimi argenti

Ilaria-Cusinato-nuoto-facebook-ilaria-cusinato.jpg

1-9-0. Il dato è grottesco, ma rappresenta la realtà. E’ il medagliere finale dell’Italia di nuoto ai Giochi Europei di Baku 2015. Un solo oro, grazie alla magia di Sveva Schiazzano nei 1500 stile libero, e clamorosa quasi doppia cifra di argenti. Dietro soprattutto a Russia e Gran Bretagna, in Azerbaijan con atleti capaci di nuotare tempi degni dei senior azzurri, ma con molte indicazioni positive in vista del futuro.

Perché c’è argento e argento. E, pur riconoscendone sempre l’assoluto valore, se il secondo posto arriva con tanto di primato personale e – magari – anche di record italiano juniores, tanto male non fa. E’ il caso dei tre protagonisti di oggi: Ilaria Cusinato (200 misti), Giulia Verona (100 rana) e Giovanni Izzo (50 stile libero). La veneta fa 2’13”78 e migliore il suo RIJ già pareggiato ieri: vince la tedesca Maxine Wolters, più convincente a rana, in 2’13”37. E Sara Franceschi è bravissima: quarta in 2’14”65, neanche venti centesimi dal podio. Poi c’è la lombarda, autrice di una doppietta come la mistista del Team Veneto: dopo i 200 ecco anche i 100, nuovo pb di 1’08”61 (ieri 1’09”44) e russa Maria Astashkina ancora fuori portata (1’07”71). E infine ecco il romagnolo, da 22”55 a 22”51 battuto solo dal missile isrealiano Ziv Kalontarov (22”16). Alessandro Bori, undicesimo in 23”19, si ferma in semifinale.

Nelle altre finali azzurre di giornata Giacomo Carini è quarto nei 100 farfalla con il tempo di 53”69, staccato trenta centesimi dal podio nella gara vinta dal solito russo Daniil Pakhomov (52”72). Entrato con l’ottavo crono, Filippo Megli si migliora nei 200 stile libero che vanno al britannico Duncan Scott (1’48”55) ed è quinto (1’50”84). Rimane in coda invece Alex Baldisseri nei 100 rana: tempo 1’02”99, oro e record mondiale giovanile per il russo Anton Chupkov (1’00”65).

Doppietta per Polina Egorova: 26”82 nei 50 farfalla e 1’01”19 nei 100 dorso. Protagonista in entrambi i casi Tania Quaglieri, nona in semifinale nella prima specialità nonostante il personale di 27”68 e settima nell’altra in 1’03”62, forse frenata dalla stanchezza. Meglio di lei fa Martina Rossi sesta (1’03”14). Nella 4×200 stile libero femminile Giovanna la Cava, Elisa Scarpa Vidal, Ilaria Cusinato e Anna Pirovano sono quinte (8’16”23), trionfa la Russia in 8’03”45. Russia show anche nella 4×100 mista maschile, con gli azzurri Lorenzo Glessi, Alex Baldisseri, Giacomo Carini e Alessandro Miressi ai piedi del podio.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Facebook Ilaria Cusinato

Lascia un commento

Top