Giro Rosa 2015: il percorso e le tappe

gruppo.jpg

891 chilometri di gara suddivisi in nove tappe più un prologo: è il Giro Rosa, la corsa più attesa e più completa del panorama ciclistico femminile, che scatterà nella serata di venerdì 3 luglio mettendo di fronte molte tra le atlete più forti al mondo.

La ventiseiesima edizione del Giro d’Italia femminile segue un percorso con molti arrivi già collaudati che, negli ultimi anni, hanno garantito una buona dose di spettacolo. Si parte venerdì, dunque, con una grande festa a Lubiana per il cronoprologo serale di appena due chilometri: poco valore per la classifica, ma l’opportunità comunque di indossare la prima rosa. Sabato spazio alla Kamnik-Lubiana, 102 km praticamente piatti sulle strade della Slovenia, mentre domenica 5 luglio si è sulle strade della Marca per i 121 km tra Gaiarne e San Fior di Sotto, paese natale di Francesca Cauz, anche se i due GPM posti nel finale appaiono troppo poco impegnativi per una scalatrice pura come lei.

La terza tappa in programma lunedì dovrebbe prevedere ancora una volata col traguardo a Mantova dopo 127 km percorsi nella Valle del Mincio; martedì 7 luglio, invece, si risale verso l’Hinterland milanese con la Pioltello-Pozzo d’Adda, 103 km interamente pianeggianti accompagnati dai fiumi Adda e Martesana. La prima frazione cruciale per la classifica dovrebbe essere la quinta: Trezzo sull’Adda-Aprica, 128 km e arrivo sul dolce colle che divide Val Camonica e Valtellina al termine di un GPM di seconda categoria che sarà comunque selettivo.

I GPM di Teglio, Sondrio e Civo nobiliteranno la Tresivio-Morbegno di giovedì 9 luglio, che percorrerà da Est a Ovest la Valtellina pur presentando l’ultima salita a 22 km dal traguardo; impegnativo trasferimento in serata e poi, venerdì, spazio alla Arenzano-Loano sulla Riviera Ligure resa impegnativa dalle ascese di Savona e Rialto.

Gran finale tra sabato 11 e domenica 12 luglio: prima, con la cronometro di 21 km tra Pisano e Nebbiuno, con una spettacolare panoramica sul basso Lago Maggiore; poi, con i 92 km da Verbania a San Domenico di Varzo, lungo le strade della Val d’Ossola (e dunque di casa per Elisa Longo Borghini) che culmineranno con la tortuosa salita finale.

foto: pagina Facebook Simone Nespoli

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@oasport.it

Lascia un commento

Top