Tennis, Internazionali d’Italia 2015: tutti contro Djokovic. Dalla prima volta di Federer alla speranza azzurra

tennis-novak-djokovic-us-open-2014-federtennis-tonelli.jpg

Mentre si sta ancora giocando sui campi in terra rossa di Madrid, la nostra attenzione è già proiettata alla prossima settimana, quando scatteranno gli Internazionali d’Italia 2015, che si disputano come di consueto nella splendida cornice del Foro Italico, uno dei migliori palcoscenici tennistici del mondo.

Nel tabellone maschile non mancherà davvero nessuno e farà il suo ritorno in campo anche Novak Djokovic. Il serbo ha deciso di non partecipare al Masters 1000 di Madrid e arriverà a Roma da assoluto favorito, difendendo anche il titolo conquistato lo scorso anno. Per Nole si tratta di una tappa fondamentale nel suo cammino verso il Roland Garros, unico Slam che manca ancora nella fantastica carriera del campione serbo. A Montecarlo ha dominato la concorrenza ed in questo momento batterlo sembra quasi impossibile.

Siamo sulla terra rossa e dunque il principale avversario è ovviamente Rafa Nadal (sette volte vincitore a Roma), ma attenzione alla posizione in tabellone del maiorchino, perchè lo scontro con Djokovic potrebbe arrivare anche prima della finale, come già accaduto a Montecarlo. Proprio nel Principato lo spagnolo non era apparso il solito cannibale e anche nei tornei precedenti non aveva brillato più di tanto, venendo sconfitto per due volte consecutive a Rio de Janeiro e a Barcellona dal nostro Fabio Fognini.

Non ha mai vinto Roma, perdendo ben tre finali, Roger Federer. Lo svizzero per due volte è stato sconfitto da Nadal (2006 e 2013) ed una da Felix Mantilla nel 2003. Si tratta di un torneo che non ha mai portato grande fortuna all’elvetico, ma resta comunque uno dei grandi favoriti, anche solo perchè è il numero due del mondo.
Insieme a lui sullo stesso piano si possono mettere anche Andy Murray e Kei Nishikori: il britannico è reduce dal primo torneo sul rosso vinto in carriera, mentre il giapponese ha rivinto a Barcellona ed è uno dei principali outsider.

Possibili sorprese, anche se forse non è il termine più indicato, possono essere i bombardieri Milos Raonic e Tomas Berdych, quest’ultimo finalista a Montecarlo in questa stagione. Non si possono dimenticare anche David Ferrer e Stan Wawrinka, in flessione rispetto alle passate stagioni, ma pur sempre pericolosissimi.

Chiudiamo con la speranza azzurra, anche se negli ultimi anni il torneo di casa non ha mai portato bene ai nostri portacolori. Fabio Fognini sulla terra ha dimostrato di valere i migliori al mondo e ha già battuto Rafa Nadal due volte in stagione, ma come ben sappiamo il primo nemico del ligure è proprio lui stesso. Andreas Seppi non dovrebbe essere ai nastri di partenza causa infortunio all’anca, mentre Simone Bolelli con un tabellone favorevole qualche partita potrebbe anche vincerla.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Tennis

Foto da fedetennis di Tonelli

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top