Canoa velocità, Europei 2015: l’Italia parte forte nelle batterie

10341832_10152126116402717_2367492468608482037_n.jpg

Avvio convincente per l’Italia agli Europei di canoa velocità a Racice (Repubblica Ceca). 

Inizia nel migliore dei modi la rassegna continentale per il settore della canadese. Sergiu Craciun chiude alle spalle del ceco Martin Fuksa nella seconda batteria del C1 1000 metri e si qualifica per la semifinale. Miglior tempo per il fuoriclasse tedesco Sebastian Brendel, campione olimpico in carica.

Finale diretta per Luca Incollingo e Daniele Santini nel C2 1000 metri, terzi nella heat 1 dietro Romania e Germania (primi tre equipaggi raggruppati in meno di 8 decimi).

Brillante debutto da individualista per Giulio Dressino, preceduto solo dal campionissimo danese Renè Poulsen (di 1″008) nella seconda batteria del K1 1000 metri. Quinto crono assoluto per l’azzurro, che vola in semifinale.

Fantastica prestazione per Irene Burgo nel K1 1000 m. femminile (distanza non olimpica). La canoista del Bel Paese ha vinto la seconda batteria davanti alla rumena Florentina Caminescu, accedendo alla finalissima con il quarto tempo: sognare una medaglia si può.

Bocciato invece il nuovo K2 1000 metri formato da Nicola Ripamonti ed Albino Battelli, ultimo nella batteria vinta dagli spagnoli Marcus Walz e Diego Cosgaya e già eliminato (serviva almeno una settima piazza per approdare in semifinale).

Quinto il K4 femminile 500 m. formato da Federica Nolè, Norma Murabito, Sofia Campana ed Agata Fantini: le azzurre disputeranno la semifinale che metterà in palio gli ultimi 3 pass per la finale. Stessa sorte per Nolè-Fantini, quinte nel K2 1000 (non olimpico).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Federcanoa

 

Lascia un commento

Top