Parigi-Roubaix 2015: DIRETTA LIVE. 20 chilometri al traguardo! Si decide la corsa

John-Degenkolb-FB-John-Degenkolb.jpg

Foto: Pagina Facebook John Degenkolb


È la Regina delle Classiche. L’Inferno del Nord. 253 chilometri, 27 settori di pavé, terribile. Una serie di pietre che rendono inguidabile la bicicletta, trasformando ogni pedalata in un calvario. Da Compiegne, al velodromo più famoso al mondo, dove si risolverà la terza Classica Monumento della stagione.

OA seguirà la gara con una diretta scritta integrale, per accompagnarvi verso questo incredibile sogno che si realizzerà per uno solo degli atleti al via.

I favoritiIl percorsoLe speranze italiane 

16.34: volata vincente per John Degenkolb che fa il bis con la Sanremo! Strepitoso il tedesco della Giant. Secondo Stybar, terzo Van Avermaet, all’ennesimo podio in una classica.

16.33: si entra nel velodromo!

16.32: rientrano anche Boom, Elmiger e Keukeleire. In 7 al comando!

16.31: arriva Stybar! Sono in quattro con una coppia della Etixx. 3 km al traguardo

16.29: Stybar prova a rientrare da solo sui tre in testa!

16.27: poco accordo davanti, potrebbero rientrare in quattro da dietro!

16.25: MOSTRUOSO DEGENKOLB! Il vincitore della Milano Sanremo si riporta sui due di testa con un’azione fantastica! Ora è lui il favorito

16.23: otto chilometri al traguardo, penultimo settore in pavé.

16.21: ci provano in due della Argos-Shimano! Arriva anche De Backer ad aiutare il compagno di squadra

16.20: un impressionante Degenkolb prova da solo a riportarsi sui due al comando. Difficile riprendere la coppia belga.

16.18: ci provano due belgi: Lampaert e Van Avermaet! Attenzione a questa azione.

16.17: scatti e controscatti in gruppo! Ancora molti i corridori che possono giocarsi questa Roubaix

16.15: ancora moltissima confusione in gruppo! Sta per essere ripreso Roelandts, siamo usciti dal Carrefour de l’Arbre.

16.12: prova ad attaccare il nostro Marco Marcato!

16.11: stiamo entrando nel Carrefour de l’Arbre, l’ultimo settore da 5 stelle!

16.10: se ne va da solo Jurgen Roelandts! Splendida azione del belga!

16.06: una coppia al comando: Bozic dell’Astana e Roelandts della Lotto.

16.05: foratura per Sep Vanmarcke che rimbalza nel secondo gruppo.

16.04: gruppo compatto!

16.01: rispondono Boom, Degenkolb e Terpstra, ma si rialzano subito. Quattro tra i grandi favoriti davanti e nessuno che tira. Poca convinzione, nessuno si sente sicuro.

15.58: ora c’è stata una selezione vera, circa 15 uomini in gruppo e fuggitivi a tiro. Molto brillante Degenkolb, mentre Van Avermaet e Sagan hanno provato un paio di allunghi senza troppa convinzione. E parte Sep Vanmarcke!

15.52: poche decine di metri di vantaggio per i 4 contrattaccanti. La Katusha ricuce lo strappo e il gruppo è nuovamente compatto. I fuggitivi hanno 24” di margine.

15.49: Con questi due uomini anche Debusschere, Stybar riesce a rientrare, questo potrebbe essere un attacco molto interessando in ottica vittoria. 30 chilometri alla conclusione.

15.47; si muove l’uomo più atteso, BRADLEY WIGGINS! Attacco sul pavé, ha preso un leggero margine e adesso può provare ad incrementare, si è riportato su Vandenbergh, solita perfezione stilistica.

15.46: ripreso un quartetto comprendente anche Manuel Quinziato. Gruppo a poco più di un minuto dalla testa della corsa, sempre Vandenberg davanti.

15.42: 50” di ritardo per Vandenbergh, gruppo 20” più indietro. 35 chilometri al traguardo e ancora non c’è stata la selezione finale.

15.40: caduta di Bak e incredibile foratura di Demare dopo che aveva messo la squadra in testa al gruppo. La fortuna non è dalla sua parte

15.35: Vandenbergh ha un piccolo margine sul gruppo, reagisce la FDJ per Demare. Attenzione al francese, nome da tenere in considerazione.

15.29: attacco violento di Vandenbergh! Questo potrebbe fare male a molti, il belga ha dimostrato di saper andare molto forte sulle pietre francesi

15.24: il gruppo attacca Mons en Pevele! Tratto a 5 stelle di difficoltà, snodo cruciale della corsa. Quasi 3 chilometri sulle pietre.

15.21: ci prova Trentin! Il gruppo dei big è ridotto all’osso. Nessuno collabora, fase di studio prima di Mons en Pevele!

15.19: altra caduta in gruppo, il gruppo si spezza e questa potrebbe essere una fase decisiva!

15.18: quando mancano 51 chilometri alla conclusione attacca PETER SAGAN! E ora tutti i big sono chiamati a rispondere! Stannard e Degenkolb velocissimi a riportarsi sulla sua ruota

15.16: ripresi, ma in questa fase in tanti provano a fare la differenza. Caduta per Daniel Oss su un tratto di Pavé

15.15: provano ad avvantaggiarsi alcuni uomini. Tra loro anche Quinziato ma il gruppo è molto vicino.

15.13: foratura per Pippo Pozzato! Molta sfortuna per l’azzurro della Lampre-Merida!

15.076: continuano i tratti in pavé, siamo ad Orchies! E c’è vento…

15.00: nulla da fare, il gruppo è rientrato su questo tentativo che comprendeva molti dei favoriti. Trentin e Oss erano davanti, Pozzato è rientrato invece.

14.58: la Etixx è riuscita a fare la differenza, ora sono 17 all’inseguimento dei fuggitivi, Kristoff insegue in gruppo.

14.53: Etixx-QuickStep in testa al gruppo, sotto i 4′ il ritardo dei fuggitivi. Meno di 70 km al traguardo.

14.47: continui cambi in testa al gruppo, si susseguono gli scatti, ma per ora resta stabile la situazione.

14.39: allungatissimo il plotone: provano ad aumentare il ritmo gli uomini della Etixx.

14.38: prova ad accelerare il campione tedesco André Greipel!

14.32: bruttissima caduta per Geraint Thomas! Team Sky decimato dai problemi.

14.27: succede l’incredibile! Si abbassa il passaggio al livello su una strada incrociata con i binari del treno, alcuni corridori sono costretti a fermarsi!

14.20: sempre stupendo lo spettacolo della Foresta di Arenberg! Il nostro Daniel Oss la conclude in testa, gruppo allungatissimo!

14.14: a tutta il lettone della IAM Saramontis! E’ il primo ad uscire da Arenberg.

14.11: ed ecco l’attesissima Foresta di Arenberg!

14.09: alta andatura del gruppo che recupera secondi su secondi.

14.02: si rimescolano rapidamente le posizioni del gruppo: si notano molti dei favoriti. Importante affrontare nelle prime posizioni questi settori di pavè. Si nota vento laterale, attenzione anche a questo particolare da non sottovalutare.

13.59: da non sottovalutare anche il settore 19 di Hélesmes – Wallers da Hélesmes, di 2,5 km con ****.

13.58: stiamo per entrare in un punto decisivo della corsa: il tratto più affascinante, la Foresta di Arenberg.

13.45: fase stabile della corsa: 100 km al traguardo, sui 6′ il vantaggio dei fuggitivi sul gruppo.

13.32: 120 km al traguardo, si susseguono i tratti in pavé. Sempre sui 7′ il distacco del gruppo dalla fuga.

13.22: Team Sky e Etixx-QuickStep in testa al gruppo, scende sotto i 7′ il ritardo dai fuggitivi. Meno di 130km al traguardo.

13.14: 134 km al traguardo. 7′ il vantaggio della fuga sul gruppo formato da un centinaio di unità. Quinto settore di pavé per i fuggitivi, quarto per il plotone.

13.08: la caduta ha creato diversi problemi ai corridori del plotone che hanno dovuto mettere piede a terra. Si spezza in più tronconi il gruppo.

13.06: caduta in gruppo. A terra due uomini della Trek e un Europcar.

13.00: si succedono rapidamente i tratti in ciottolato. Già entrati a Quiévy – Saint-Python, di 3700 metri. Meno di otto minuti il vantaggio dei nove al comando.

12.58: entrati nel tratto di Viesly – Quiévy. Team Sky in testa al gruppo.

12.55: come previsto, arrivano le difficoltà per i corridori. Pierre-Luc Perichon si stacca dai suoi compagni di fuga mentre Geraint Thomas ha qualche problema tecnico alla bici e si ferma all’ammiraglia.

12.53: superato senza particolari difficoltà il primo settore. Tra poco il numero 26 metterà già a dura prova i corridori. Si entra nel vivo della corsa.

12.44: 155 km all’arrivo. Arrivano le tanto attese pietre! Primo tratto, Troisvilles – Inchy, tre stellette di difficoltà spalmati su 2.2km.

12.39: aumenta il vantaggio dei fuggitivi: quasi 8′. Siamo vicinissimi al primo tratto di pavé.

12.24: 170 km al traguardo, manca pochissimo al primo tratto di pavé. Sui 5′ il ritardo del gruppo.

12.06: arriva l’atteso rallentamento del gruppo. 3′ di vantaggio per la fuga.

12.01: il vento a favore aiuta la marcia dei corridori che si avvicinano sempre più velocemente al primo tratto di pavé. Mancano all’incirca 20 km.

11.58: non aumenta il divario dei fuggitivi. Il distacco è di poco superiore al minuto.

11.49: niente da fare per Sutterlin: il teutonico ha perso l’attimo giusto, sta per essere ripreso dal gruppo.

11.45: si muove dal gruppo il tedesco della Movistar  Jasha Sutterlin che prova a riprendere i fuggitivi. 1’20” il distacco del gruppo dalla fuga.

11.36: il gruppo, dopo aver provato ad inseguire per un po’, lascia spazio alla fuga. 200 km al traguardo.

11.29: potrebbe essere l’attacco buono! Rast (FR), Blythe (OGE), Gougeard (ALM), Saramotins (IAM), Perichon (BSE), Declercq (TSV), Backaert (WGG) e Matzka (BOA) hanno una ventina di secondi di margine sul gruppo.

11.23: niente da fare anche per loro, gruppo che viaggia compatto a quasi 60km/h in queste fasi!

11.15: piccolo margine per un gruppetto di 15 atleti dopo 25 chilometri di gara. Media prossima ai 50 km/h

11.04: gruppo ancora compatto e alte velocità, la situazione non muta

10.56: ci hanno provato Alexis Gougeard (ALM), Lieuwe Westra (AST), Tom Devriendt (WGG) e Adriano Malori (MOV), ma il loro tentativo si è estinto in pochi chilometri

10.53: il vento alle spalle allunga il gruppo e permette di mantenere velocità molto alte.

10.50: ritmo alto nei primi chilometri di corsa.

10.43: è partita ufficialmente la corsa!

10.36: ormai è tutto pronto per il via, gli atleti sono nelle prossimità del chilometro zero!

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@olimpiazzurra.com

Foto: Pagina Facebook John Degenkolb

Tag

Lascia un commento

Top