Hockey prato, le azzurre chiudono la tournée irlandese con un 3-3

Hockey-prato-Italia-femminile-nostra.jpg

Si chiude con un pirotecnico 3-3 la tournée irlandese della nazionale italiana femminile di hockey prato. A Jordantown le azzurre dominano la prima metà di gara, andando a segno per tre volte con Macarena Ronsisvalli, Valentina Braconi e Giuliana Ruggieri. Nelle ultime due frazioni, approfittando anche di un calo di tensione della selezione tricolore, le padrone di casa reagiscono con orgoglio, riuscendo a conquistare il secondo pareggio in due giorni (giovedì invece era stata l’Irlanda ad imporsi per 1-0).

Il ct Fernando Ferrara ha analizzato così un match dai due volti: “Già dalla prima partita ritengo che abbiamo dimostrato di essere superiori a loro sul piano del gioco, facendo, a mio giudizio, le cose migliori. Però dobbiamo continuare a lavorare perché la strada è ancora molto lunga. Oggi abbiamo giocato molto, molto bene per tre tempi, nei quali siamo state superiori nel gioco e abbiamo raccolto quanto seminato. Il 3-0 era giusto. Poi nel quarto tempo loro si sono giocate tutte le carte che potevano giocarsi e noi abbiamo subito questa pressione. Ci siamo difese come potevamo, ma senza la calma e la necessaria capacità di gestire la pressione del momento. Negli ultimi minuti dovevamo gestire meglio la palla e il momento emotivo e su questo occorre lavorare ancora e aumentare l’esperienza. La vittoria oggi sarebbe stata strameritata, ma anche questo ci serve a capire che occorre essere più attente, pratiche e cattive”.

Nel complesso, dunque, l’allenatore italo-argentino ha tratto spunti molto positivi dalla trasferta irlandese verso la World League: “C’è molto di buono, forse tutto o quasi, perché le prestazioni hanno evidenziato la qualità del gioco azzurro e perché le ragazze fanno quello che viene loro chiesto”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top