Seguici su

Tennis

Errani/Paolini fanno impazzire il Foro Italico: sono in finale di doppio nel WTA di Roma!

Pubblicato

il

Sara Errani e Jasmine Paolini
Errani e Paolini / IPA Sport

Dominio incontrastato di Sara Errani e Jasmine Paolini, le quali fanno il bello ed il cattivo tempo nella prima semifinale di doppio femminile degli Internazionali d’Italia 2024 di tennis: a Roma le azzurre surclassano le statunitensi Caroline Dolehide e Desirae Krawczyk, accreditate della testa di serie numero 8, battute per 6-1 6-2 in appena un’ora e due minuti di gioco. La coppia italiana attende nella finale di domenica la vincente della sfida tra le cinesi Xinyu Wang e Saisai Zheng e le numero 3 del seeding, la statunitense Coco Gauff e la neozelandese Erin Routliffe.

Nel primo set i primi tre giochi sono equilibrati e si risolvono tutti al punto decisivo: le azzurre nel terzo game trovano il break che fa cambiare il parziale. Errani e Paolini, infatti, confermano lo strappo e scappano sul 3-1, per poi griffare un altro break a quindici e portarsi sul 4-1 pesante. La coppia italiana è inarrestabile, vola sul 5-1 e nel settimo game, al primo set point, toglie ancora la battuta alle statunitensi, chiudendo sul 6-1 in 31 minuti.

Nella seconda frazione le statunitensi provano ad invertire la rotta, ottenendo il break a zero nel terzo game, ma è il canto del cigno: Errani e Paolini piazzano un parziale mortifero di 20 punti a 5 nei restanti 5 game, strappano per tre volte il servizio alle avversarie e vanno a chiudere al primo match point sul 6-2, ancora una volta in 31′.

Chi affronteranno Bolelli/Vavassori in semifinale a Roma? Il tabellone delle semifinali di doppio

Le statistiche rimarcano, qualora ce ne fosse bisogno, la supremazia della coppia italiana, che vince 53 punti contro i 31 delle avversarie, mettendone addirittura a segno 14 di fila tra quinto ed ottavo game del secondo parziale. Le azzurre servono soltanto sei seconde nell’arco del match e, soprattutto, trasformano 6 delle 8 occasioni di break avute, cancellando anche una delle due opportunità concesse alle avversarie.