Seguici su

Calcio

Qual è la formazione titolare dell’Italia contro Malta? Ballottaggi, dubbi e certezze per le qualificazioni agli Europei

Pubblicato

il

Luciano Spalletti

L’Italia di Luciano Spalletti tra pochi giorni è pronta a ritornare in campo. Per l’esattezza, gli azzurri, calcheranno il terreno di gioco del San Nicola di Bari a partire dalle ore 20.45 di sabato 14 ottobre. La Nazionale dovrà infatti affrontare Malta nell’incontro valido per le qualificazioni agli Europei del 2024. La Selezione maltese, ultima in classifica a quota zero, resta comunque un avversario da non sottovalutare: non si possono lasciare punti indietro nel percorso. Il ct lo sa bene e nella conferenza di ieri ha parlato della voglia di mandare in campo sia contro Malta che contro l’Inghilterra tre giorni più tardi, la formazione migliore.

“Grande autostima e poco rispetto dell’avversario ci rende presuntuosi, al contrario sembriamo deboli. Abbiamo di fronte due partite difficilissime dove attraverso comportamenti ben visibili possiamo rendere e dare forza all’immagine di questa Nazionale. Noi non snobbiamo nessuno e non abbiamo difficoltà nel presentarci a Wembley contro coloro che hanno fatto il calcio per disputare la nostra partita. Cercheremo di fare una formazione che permette di avere dei calciatori in tutte e due le situazioni puliti per fare la squadra forte di cui siamo vestiti. Non si prendono decisioni a lungo termine sulla base di emozioni momentanee”.

Tutta la Serie A TIM è solo su DAZN: 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata. Attiva Ora

Queste le parole di Spalletti che dunque avrà diversi giorni per lavorare al meglio sulle due sfide. Il modulo di partenza del tecnico, dovrebbe essere il 4-3-3 ma non si escludono sorprese: occhio al 4-2-3-1 e addirittura a un possibile 3-5-2 a partita in corso viste le caratteristiche di diversi giocatori. In porta senza troppi dubbi, dovremmo ritrovare Donnarumma.

La difesa dovrebbe essere composta da Di Lorenzo a destra e Dimarco a sinistra, con al centro Bastoni e uno tra Mancini e Acerbi: occhio a Scalvini pronto a subentrare, piuttosto che a Biraghi a sinistra. A centrocampo dovremmo ritrovare Barella, Tonali e presumibilmente Locatelli: scalpitano Frattesi, Cristante e lo stesso Bonaventura. In avanti Scamacca potrebbe fare la prima punta: sulle fasce stuzzicano Zaniolo, Berardi e restano da capire le condizioni di Chiesa.

ITALIA: I CONVOCATI DI SPALLETTI

Portieri: Gianluigi Donnarumma (Paris Saint Germain), Alex Meret (Napoli), Ivan Provedel (Lazio), Guglielmo Vicario (Tottenham);
Difensori: Francesco Acerbi (Inter), Alessandro Bastoni (Inter), Cristiano Biraghi (Fiorentina), Matteo Darmian (Inter), Giovanni Di Lorenzo (Napoli), Federico Dimarco (Inter), Federico Gatti (Juventus), Gianluca Mancini (Roma), Giorgio Scalvini (Atalanta), Destiny Udogie (Tottenham);
Centrocampisti: Nicolò Barella (Inter), Giacomo Bonaventura (Fiorentina), Bryan Cristante (Roma), Davide Frattesi (Inter), Manuel Locatelli (Juventus), Sandro Tonali (Newcastle);
Attaccanti: Domenico Berardi (Sassuolo), Federico Chiesa (Juventus), Moise Kean (Juventus), Riccardo Orsolini (Bologna), Giacomo Raspadori (Napoli), Gianluca Scamacca (Atalanta), Mattia Zaccagni (Lazio), Nicolò Zaniolo (Aston Villa).

Foto: LaPresse