Seguici su

MotoGP

MotoGP, i precedenti di Francesco Bagnaia in Indonesia. Nel 2022 l’intero weekend fu sofferto e anonimo

Pubblicato

il

Francesco Bagnaia

Domenica 15 ottobre si correrà il Gran Premio d’Indonesia, quindicesimo atto del Mondiale 2023 di MotoGP.  Il quindici torna nuovamente anche riferendosi a Francesco Bagnaia e alla sua esperienza a Mandalika, perché la quindicesima piazza è il modesto risultato con cui andò in archivio l’edizione 2022 dell’esotico GP estremorientale.

Un anno e mezzo fa (si corse a marzo) Pecco fece una fatica tremenda nell’autodromo edificato sull’Isola di Lombok, cominciando male sin dalle prove libere. Addirittura non riuscì a entrare nel novero dei dieci piloti ammessi di diritto alla fase decisiva delle qualifiche, dovendo passare per le forche caudine del Q1. Quantomeno uscì indenne da questa scomodissima sessione.

Il piemontese dovette poi accontentarsi della sesta casella in griglia prima di vivere un’anonima gara bagnata. Rimase a lungo a centro gruppo, galleggiando fra la nona e la decima posizione. Poi commise un errore, finendo lungo in una curva, vedendosi scavalcato da un paio di avversari. Dopodiché, nel finale naufragò progressivamente fino alla già citata quindicesima posizione. Un calvario.

MotoGP, il Mondiale 2023 come quello 2022, ma con Bagnaia dalla parte sbagliata? Da cacciatore è diventato preda

Attenzione però, va sottolineato come nel 2022 il GP d’Indonesia fosse il secondo appuntamento stagionale. In quel momento Bagnaia ancora non aveva chiaro come regolare al meglio l’efficace, ma complessa, Desmosedici GP22. Non bisogna dimenticare come Pecco abbia iniziato lo scorso Mondiale in maniera incolore, trovando poi la proverbiale “quadra del cerchio” in primavera. Le sofferenze indonesiane del piemontese si incastonarono, quindi, in un contesto di generalizzata difficoltà tecnica che, oggi, non esiste più.

Foto: LiveMedia/Valerio Origo