Seguici su

Ciclismo

Vuelta a España 2023, Evenepoel ha un buon vantaggio: basterà? Tourmalet e Angliru gli spettri per il belga. E Kuss…

Pubblicato

il

La cronometro di Valladolid, disputata oggi per la decima tappa della Vuelta a España 2023, ha contribuito a definire la situazione di classifica tra i “big”. Come da copione, Remco Evenepoel ha guadagnato qualche secondo su tutti ed entrerà nella fase calda della corsa potendo disporre di un vantaggio sui suoi teorici rivali.

Gli unici ad essere infatti ancora avanti al belga nella generale sono Sepp Kuss, rimasto brillantemente in maglia rossa, e Marc Soler, anche lui autore di un’ottima cronometro che mantiene la seconda posizione. Evenepoel ha ad ora 1’09” di ritardo dallo statunitense e 43” dallo spagnolo.

Allo stesso momento l’ex-Campione del Mondo ha 27” su Primoz Roglic, avendone guadagnati 20” oggi, 1’07” su Joao Almeida, 1’13” su Jonas Vingegaard, 1’16” su Juan Ayuso e 1’41” su Enric Mas. Con le tantissime montagne che devono arrivare, la domanda è: basterà questo vantaggio ad Evenepoel per vincere la seconda Vuelta consecutiva.

La seconda settimana sarà subito un banco di prova importantissimo per il belga, così come per gli altri. L’arrivo in salita di domani non dovrebbe spaventarlo, a differenza del tappone pirenaico di venerdì, quello con i tre mostri: Col d’Aubisque, Col de Spandelles e Col du Tourmalet. 

L’impressione è che quella tappa saprà dirci tantissimo sui reali valori di forza dei big, nonostante poi di tappe e salite ne manchino ancora tante. Il giorno successivo proporrà una nuova tappa con 3 salite durissime, ma sarà ovviamente la tappa di mercoledì 13, quella col finale sull’infernale Angliru a concentrare le attenzioni di tutti gli uomini di classifica. Ne vedremo delle belle.

Foto: Eurosport