Seguici su

Idee & consigli

Così si compra un’automobile usata (senza rischi)

Pubblicato

il

Se stai pensando di cambiare la tua auto, scegliere un veicolo usato potrebbe essere un ottimo investimento. Gli aspetti da considerare sono molteplici, dal budget a disposizione alle tue esigenze personali, ma di sicuro oggi le concessionarie propongono vere e proprie occasioni – sia in termini di costi che di prestazioni ed estetica. Soprattutto nelle grandi città, ad esempio se cerchi auto usate Roma, non è difficile trovarne di seconda mano in grado di garantire ancora ottimi risultati.

Non vederla come una seconda opzione: con l’incremento dei prezzi odierno, comprare un’automobile usata è la scelta di sempre più automobilisti italiani. È un’ottima idea specialmente se decidi di affidarti ad una concessionaria, con cui peraltro non dovrai preoccuparti neanche di effettuare il passaggio di proprietà – diversamente nel caso di acquisto da un privato.

Acquistare un’automobile usata però non è scelta che si può fare in un giorno. Devi considerare diversi fattori e, soprattutto, effettuare le opportune verifiche prima di procedere. La concessionaria garantisce senz’altro minori rischi rispetto ad un privato, ma ricorda che stai pur sempre comprando un veicolo che non è nuovo di zecca.

Ecco quindi i principali suggerimenti che potrebbero ritornarti utili per comprare un’automobile usata senza rischi.

Comprare un’automobile usata: l’accertamento tecnico, meccanico e visivo

Una delle prime domande che devi porti di sicuro è: che tipo di alimentazione voglio per la mia macchina? Benzina, diesel, metano, GPL, oppure ibrida o elettrica. E chi più ne ha più ne metta. Questo ovviamente dipende in primis dalle esigenze personali e famigliari.

Individuata l’automobile, prima di procedere all’acquisto è essenziale controllare il chilometraggio effettuato: questo è uno degli aspetti più determinanti per il prezzo del veicolo. Chiaramente, più sono i chilometri percorsi dall’auto e minore dovrà essere il costo. Ma attenzione: il contachilometri potrebbe esser stato ritoccato tramite appositi software, quindi è bene controllare anche il consumo dei sedili, della pedaliera e della manopola del cambio. Verificare la reale usura del tutto è fondamentale per determinare un prezzo ancor più specifico.

A seguire, effettua un vero e proprio accertamento meccanico: dal refrigerante all’olio, dal liquido dei freni al motore, dai tubi di raffreddamento alla cinghia di distribuzione, dalla frizione agli ammortizzatori, fino al sistema elettrico. Se non sei un esperto, il consiglio è sicuramente quello di farti accompagnare da un meccanico fidato.

Dopo questi tecnicismi, passa ad un accertamento visivo: dall’eventuale ruggine alla corretta chiusura delle portiere, dalla vernice allo stato del telaio: assicurati che non ci siano graffi o ammaccature poco visibili. Chiaramente, tutte queste imperfezioni sono indicatori per far abbassare il prezzo d’acquisto della tua auto.

Infine, non dimenticare di fare un giro di prova. In una concessionaria, infatti, hai diritto a richiedere una guida offerta per quella specifica automobile, così da toccare con mano tutte le sue caratteristiche tecniche e meccaniche. Questo momento è molto importante, poiché solamente alla guida puoi verificare alcuni aspetti: ad esempio i reali consumi e il rumore del motore, ma anche la sensibilità del sistema frenate. Per alcuni sono solo dettagli, per altri invece rappresentano parametri essenziali.

Comprare un’automobile usata: i documenti necessari

Scelta la tua “nuova” auto ed effettuate tutte le opportune verifiche, prenditi un momento per la questione burocratica. È infatti importante verificare una serie di informazioni che ti permettono di conoscere appieno la storia del veicolo.

Ecco quindi riassunti tutti i documenti necessari se decidi di comprare un’automobile usata:

  • Libretto di manutenzione: qui puoi controllare le ricevute dei vari interventi (tagliandi effettuati);
  • Carta di circolazione: per conoscere i dati tecnici di omologazione dell’auto;
  • Pagamento del bollo;
  • Visura PRA (Pubblico Registro Automobilistico): documento che permette di verificare l’assenza di ipoteche o di fermi amministrativi;
  • Numero della targa, del telaio e del motore: devono essere quelli riportati sul libretto.

La macchina appare perfetta esteticamente? Questo potrebbe non esser sufficiente, soprattutto nel caso di un veicolo usato. Non trascurare quindi il controllo dei suddetti documenti e della burocrazia più importante. In questi casi, meglio non rischiare.