Seguici su

Ciclismo

LIVE Giro del Delfinato 2023, tappa di oggi in DIRETTA: fuga vincente per Zimmermann, quarta piazza per Ciccone. Vingegaard rimane comodo in giallo

Pubblicato

il

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

16.34 Si chiude qui la DIRETTA LIVE della sesta tappa del Giro del Delfinato. A domani per potervi raccontare anche la settima e penultima frazione, con l’arrivo al Col de la Croix de Fer! Grazie per averci seguito e buon proseguimento di giornata!

16.32 E cambia anche la top 10 della generale, poiché Felix Grossschartner e Fred Wright non sono arrivati con i migliori. Vingegaard rimane comunque maglia gialla con 1’10” su Ben O’Connor:

1 1 – VINGEGAARD Jonas Jumbo-Visma 10 10″ 21:06:41
2 2 – O’CONNOR Ben AG2R Citroën Team 1:10
3 3 – ALAPHILIPPE Julian Soudal – Quick Step 18″ 1:23
4 4 – YATES Adam UAE Team Emirates 1:26
5 6 ▲1 HINDLEY Jai BORA – hansgrohe 1:37
6 7 ▲1 HAIG Jack Bahrain – Victorious 1:44
7 8 ▲1 MARTÍNEZ Daniel Felipe INEOS Grenadiers 2:07
8 10 ▲2 MARTIN Guillaume Cofidis 2:54
9 9 – BJERG Mikkel UAE Team Emirates 2:55
10 12 ▲2 JOHANNESSEN Tobias Halland Uno-X Pro Cycling Team 4″ 2:57

16.29 Questa la top 10 di giornata. Buonissimo quarto posto per Giulio Ciccone, rimasto sempre tra i migliori. E aumenta un po’ il rammarico per cosa sarebbe potuto essere al Giro d’Italia…

1 ZIMMERMANN Georg Intermarché – Circus – Wanty 4:02:50
2 BURGAUDEAU Mathieu TotalEnergies 0:01
3 CASTROVIEJO Jonathan INEOS Grenadiers 0:08
4 CICCONE Giulio Trek – Segafredo 0:48
5 O’CONNOR Ben AG2R Citroën Team 0:48
6 YATES Adam UAE Team Emirates 0:48
7 HAIG Jack Bahrain – Victorious 0:48
8 HINDLEY Jai BORA – hansgrohe 0:48
9 ALAPHILIPPE Julian Soudal – Quick Step 0:48
10 MAS Enric Movistar Team 0:48

16.27 Tornando al vincitore, grande prova per il tedesco che ha lavorato perfettamente nel finale con lo scatto sul tratto più duro dell’ultima salita. Ripreso da Burgaudeau, ha aspettato che l’avversario scattasse per dare le ultime energie in volata e prendersi un meritato successo.

16.25 Mikel Landa invece arriva ora con un ritardo superiore ai 10” dai migliori.

16.24 Ripreso Vingegaard, i migliori sono tutti insieme, Ciccone vince la volatina per il quarto posto a 48”.

16.23 Ma si pianta il francese! VINCE GEORG ZIMMERMANN! Ma dietro c’è ancora maretta!

16.23 Burgaudeau riprende Zimmermann a 500 metri dal traguardo, studia la situazione e lancia la volata!

16.22 E indietro PARTE JONAS VINGEGAARD! RASOIATA DEL DANESE, dietro di lui solo O’Connor!

16.22 Ma dietro Burgaudeau sta dando tutto per rientrare! Castroviejo alza bandiera bianca!

16.21 ULTIMO CHILOMETRO PER GEORG ZIMMERMANN!

16.21 Ma ora Zimmermann sta allungando! 30, 40, 50 metri per lui! Superato il tratto più difficile per il tedesco della Intermarché!

16.20 Castroviejo e Burgaudeau mantengono il contatto visivo con lui. Dietro intento Matteo Trentin ha provato a sganciarsi per riprendere i fuggitivi.

16.19 Inizia l’ultima rampa, e scatta Georg Zimmermann! Una ventina di metri per lui!

16.18 Il gruppo di contrattaccanti con Bagioli e Trentin è dato a 30”.

16.17 L’attacco dell’ultima salita a Crest-Voland è un vero e proprio muro con pendenze al 16%. Poi la salita si acquieta fino al finale.

16.16 Intanto il successo di tappa dovrebbe essere un discorso a tre tra Jonathan Castroviejo (Ineos-Grenadiers), Georg Zimmermann (Intermarché) e Mathieu Burgaudeau (TotalEnergies), che passa in testa anche in vetta al secondo GPM. ULTIMI TRE CHILOMETRI!

16.14 Ora si mette al lavoro la UAE Team Eimrates, per Adam Yates. Una quarantina di uomini nel gruppo maglia gialla.

16.12 E il lavoro passa sulle spalle di Benoot, che tiene un’andatura forte per evitare controscatti.

16.11 Il gruppo gli sta alle costole, c’è Tiesj Benoot su di lui e alle spalle il suo capitano, Jonas Vingegaard. Si rialza Elissonde.

16.10 Accelerazione in gruppo, parte Kenny Elissonde (Trek-Segafredo).

16.09 Inizia la Cote de Notre-Dame-de-Bellecombe per i tre fuggitivi! Sempre 30” di margine sugli altri contrattaccanti.

16.06 Il gruppo ha rallentato l’andatura. Ora è a 1’43” dai fuggitivi, che sono a 8 km dal traguardo.

16.04 Il tratto di discesa terminerà ai -6 dal traguardo, poi ci sarà la Cote de Notre-Dame-de-Bellecombe, 3200 metri al 6,1%.

16.01 Con questo passaggio in vetta, Burgaudeau passa virtualmente in testa alla classifica dei GPM.

15.58 Bagioli, Trentin, Guglielmi e Peters sono a 53” dai primi tre, gruppo invece segnalato a 1’25”.

15.55 Burgaudeau (TotalEnergies) passa in testa al GPM, ora 10 chilometri di discesa prima del gran finale.

15.53 Bagioli intanto è stato ripreso da Peters, Trentin e Guglielmi. Ma sembra fare fatica anche a tenere le ruote di questo gruppettino.

15.51 20 chilometri al traguardo!

15.49 Si forma un terzetto in testa! Georg Zimmermann (Intermarchè-Circus-Wanty), Jonathan Castroviejo (Ineos-Grenadiers) e Mathieu Burgaudeau (TotalEnergies) hanno una ventina di secondi su Andrea Bagioli (Soudal-QuickStep), 35” sugli altri fuggitivi e 1’20” sul gruppo Vingegaard.

15.48 Zimmermann si sta rimettendo su Burgaudeau e Castroviejo, mentre Bagioli pare essere scoppiato…

15.47 La coppia di testa ha una cinquantina di metri di margine su Andrea Bagioli (Soudal-QuickStep) e Georg Zimmermann (Intermarchè-Circus-Wanty).

15.46 Intanto provano ad allungare in testa Jonathan Castroviejo (Ineos-Grenadiers) e Mathieu Burgaudeau (TotalEnergies). Altri quattro chilometri di salita.

15.44 E ora in gruppo arriva la Trek-Segafredo! Si vuole fare corsa dura per impensierire Vingegaard.

15.42 Si stacca intanto Matteo Jorgenson (Movistar) che sta probabilmente patendo ancora i problemi delle cadute di martedì. In difficoltà anche Trentin, è al gancio..

15.41 Rimane sempre lì il gruppo, a 1’40” dalla fuga.

15.39 Mancano 25 chilometri al traguardo. Il gruppo riprende Vuillermoz e anche Campenaerts, scattato senza troppe pretese.

15.37 Ripreso intanto Matteo Trentin, parte il Col des Aravis! 7,8 km al 5,7%!

15.34 Prova a lanciarsi dal gruppo principale Victor Campenaerts (Lotto-Dstny)

15.32 Proprio Trentin è il primo a passare sul traguardo volante, provando a rilanciare l’andatura dei fuggitivi.

15.31 Si comincia a salire poco prima dello sprint intermedio e Vuillermoz inizia già a perdere terreno.

15.28 Non è stato però un’azione che ha sfaldato definitivamente il gruppetto, che rimane compatto.

15.27 E il gruppo in fuga si sta piano piano disfacendo. Matteo Trentin ha provato a scattare portandosi dietro altri quattro uomini.

15.24 Superate le tre ore di corsa, media oraria di 44,8 km/h.

15.21 Ancora due minuti di vantaggio per Matteo Trentin (UAE Team Emirates), Andrea Bagioli, Dries Devenyes (Soudal-QuickStep), Nans Peters (AG2R Citroen), Jonathan Castroviejo (Ineos-Grenadiers), Andrey Amador (EF Education-Easypost), Georg Zimmermann (Intermarché-Circus-Wanty), Matteo Jorgenson (Movistar), Axel Zingle (Cofidis), Lawson Craddock (Jayco-AlUla), Mathieu Burgaudeau, Matteo Vercher, Alexis Vuillermoz (TotalEnergies) e Simon Guglielmi (Arkea-Samsic) a 35 chilometri dal traguardo.

15.18 Gradino di pianura ora per la corsa, manca sempre meno al traguardo volante. Da lì inizierà la vera corsa.

15.15 Continua a cadere qualche goccia di pioggia sulla corsa, ma per ora sembra scongiurato il pericolo temporale.

15.12 Un’altra decina di secondi rosicchiati dal gruppo a meno di 42 chilometri dal traguardo.

15.10 E sotto la spinta degli uomini DSM, si stacca anche qualche elemento.

15.08 Tra gli uomini in fuga, c’è Matteo Jorgenson (Movistar) che potrebbe anche arrivare all’arrivo con il giusto vantaggio. Ma ora il gruppo spinge, ha recuperato 30” grazie al lavoro del Team DSM.

15.06 Inizia adesso una fase in salita per il gruppo, siamo lontani 15 chilometri dal traguardo volante di Saint-Jean-de-Sixt.

15.03 Sempre sui tre minuti il margine dei 14 fuggitivi.

15.00 Ora inizia ad aumentare il lavoro in gruppo: si vede anche la Trek-Segafredo di Giulio Ciccone.

14.57 Mancano 50 chilometri alla conclusione della corsa.

14.54 Altro ritiro da registrare, si tratta di Rudy Porter (Jayco-AlUla).

14.51 E attenzione perché arriva la pioggia. Ancora leggera, ma potrebbe sconvolgere un po’ le carte.

14.48 Finito il tratto di discesa per Matteo Trentin (UAE Team Emirates), Andrea Bagioli, Dries Devenyes (Soudal-QuickStep), Nans Peters (AG2R Citroen), Jonathan Castroviejo (Ineos-Grenadiers), Andrey Amador (EF Education-Easypost), Georg Zimmermann (Intermarché-Circus-Wanty), Matteo Jorgenson (Movistar), Axel Zingle (Cofidis), Lawson Craddock (Jayco-AlUla), Mathieu Burgaudeau, Matteo Vercher, Alexis Vuillermoz (TotalEnergies) e Simon Guglielmi (Arkea-Samsic). Ora una quindicina di chilometri di pianura e si comincerà a salire leggermente verso il traguardo volante di Saint-Jean-de-Sixt. Da lì comincia a fare sul serio con le salite di giornata.

14.45 Il gruppo però si sta ricompattando.

14.43 Il Team DSM si mette ora a tirare in gruppo in questa fase di discesa, provocando un frazionamento in gruppo. Tra gli attardati c’è Louis Meintjes (Intermarché-Circus-Wanty), tredicesimo nella generale.

14.41 Inizia leggermente a scendere il margine della fuga, ora a 2’55”.

14.38 Superati i -70 chilometri dal traguardo.

14.35 Continua a lavorare la Uno-X Pro Cycling Team, con Tobias Johannessen in lizza per un posto in top 10: al momento è dodicesimo a 2’57” da Vingegaard, ma il decimo posto di Guillaume Martin (Cofidis) è distante solo tre secondi.

14.32 Rimane sempre attorno ai tre minuti il margine della fuga.

14.29 Scollinate le due ore di corsa, media oraria di 44 km/h.

14.26 Mancano meno di 80 chilometri al traguardo, ora un tratto in discesa che andrà avanti per una decina di chilometri.

14.23 Riepiloghiamo la composizione della fuga: Matteo Trentin (UAE Team Emirates), Andrea Bagioli, Dries Devenyes (Soudal-QuickStep), Nans Peters (AG2R Citroen), Jonathan Castroviejo (Ineos-Grenadiers), Andrey Amador (EF Education-Easypost), Georg Zimmermann (Intermarché-Circus-Wanty), Matteo Jorgenson (Movistar), Axel Zingle (Cofidis), Lawson Craddock (Jayco-AlUla), Mathieu Burgaudeau, Matteo Vercher, Alexis Vuillermoz (TotalEnergies) e Simon Guglielmi (Arkea-Samsic).

14.20 In gruppo c’è la Uno-X Pro Cycling Team a fare l’andatura.

14.17 Tra gli uomini in fuga c’è anche Matteo Jorgenson (Movistar), caduto due volte nel finale della tappa di martedì. Dopo un paio di giorni di ‘riposo’, è riuscito almeno ad attaccare oggi.

14.14 Ora la corsa è in un tratto in leggera salita, con il gruppo che tiene i fuggitivi attorno ai 3’15”.

14.11 Da registrare quattro ritiri quest’oggi. Non è partito Dylan Groenewegen (Jayco-AlUla), per risparmiare energie in vista del Tour de France, mentre durante la giornata hanno alzato bandiera bianca Natnael Tesfatsion (Trek-Segafredo), Manuele Boaro (Astana-Qazaqstan) e Donovan Grondin (Arkea-Samsic), che vestiva la maglia di miglior scalatore.

14.08 Non ci sono uomini da temere per le posizioni principali. Il miglior piazzato è Georg Zimmermann, trentottesimo a 6’28” dalla maglia gialla di Jonas Vingegaard (Jumbo-Visma).

14.05 Tra gli uomini in fuga ci sono gli azzurri Matteo Trentin (UAE Team Emirates) ed Andrea Bagioli (Soudal-QuickStep). Con loro Nans Peters (AG2R Citroen), Jonathan Castroviejo (Ineos-Grenadiers), Dries Devenys (Soudal-QuickStep), Andrey Amador (EF Education-Easypost), Georg Zimmermann (Intermarché-Circus-Wanty), Matteo Jorgenson (Movistar), Axel Zingle (Cofidis), Lawson Craddock (Jayco-AlUla), Mathieu Burgaudeau, Matteo Vercher, Alexis Vuillermoz (TotalEnergies) e Simon Guglielmi (Arkea-Samsic).

14.02 Percorsi fino ad ora 77 chilometri dei 170,5 previsti, c’è al momento una fuga di 14 uomini in testa con tre minuti di vantaggio.

14.00 Buongiorno a tutti e benvenuti alla DIRETTA LIVE della sesta tappa del Giro del Delfinato 2023, la Nantua-Crest-Voland di 170,5 chilometri.

Buongiorno a tutti e benvenuti alla DIRETTA LIVE della sesta tappa del Giro del Delfinato 2023, la Nantua-Crest-Voland di 170,5 chilometri. Prima tappa di vera montagna di questa edizione, ma se già a Salins-les-Bain si è scatenato un vero e proprio putiferio, con Jonas Vingegaard arrivato da solo al traguardo, figuriamoci con il primo arrivo in salita.

Frazione con oltre 3000 metri di dislivello; la prima montagna arriva dopo poco più di 40 chilometri, la Cote de Droisy; sono 5,4 chilometri al 7%, ma dovrebbe servire più che altro a ‘lanciare’ la fuga di giornata. Un po’ di saliscendi nella parte centrale di giornata per arrivare poi al traguardo volante di Saint-Jean-De-Sixt, ma entrando negli ultimi 30 chilometri si inizia a fare sul serio.

Il Col de Aravis promette di portare un po’ di scompiglio, poiché nel secondo chilometro tocca anche il 12% di pendenza per poi ‘acquietarsi’ tra il 5 ed il 7%, poi si scende e ci saranno due strappi in fila: prima la Cote de Notre-Dame-de-Bellecombe, 3,2 km al 6,1%, poi la salita finale, di 2,3 km al 6,6% ma con i primi 500 metri che si inerpicano al 16%.

La sesta tappa del Giro del Delfinato 2023 inizierà alle ore 12.10, e aspettiamoci tanta lotta tra gli uomini di classifica. La DIRETTA LIVE testuale di OA Sport inizierà alle ore 14.00, per seguire le fasi più calde della corsa! Buon divertimento!

Foto: LaPresse