Seguici su

Calcio

Milan, Pioli: “Vinto senza rischiare quasi nulla. Oggi e a Roma determinanti per il nostro campionato”

Pubblicato

il

L’allenatore del Milan Stefano Pioli analizza la gara vinta 2-0 a San Siro contro il Lecce. Un match deciso dalla doppietta di Rafael Leao.

Proprio sulla prestazione del portoghese, il tecnico rossonero ha detto: «Credo che Rafa debba chiudere di più sul secondo palo, anche su azione: sono pochi i terzini destri che possono reggerlo anche sui centimetri, ha un potenziale fisico incredibile. Deve essere più dentro l’area e attaccare di più il secondo palo».

Pioli ha poi analizzato la gara: «La pazienza c’è stata ma non c’è stata la lucidità della gestione nell’ultimo quarto di campo, abbiamo sbagliato troppe scelte: bastava aprire il gioco più velocemente. Poi la partita l’abbiamo fatta e comandata come l’abbiamo preparata. E non abbiamo rischiato quasi nulla».

«In queste partite qua – ha aggiunto – bisogna partire forte. Bisognava portare le energia dopo le grandi prestazioni in Champions, davanti ai nostri tifosi. Non è mai semplice quando gli avversari sono schierati tutti dietro».

L’allenatore del Milan ha poi delineato il cammino da seguire: «Prima della partita di oggi mancavano 8 giornate, 5 in casa e 3 fuori. Ho detto alla squadra che la partita di oggi e la prossima a Roma saranno partite che determineranno il nostro piazzamento finale: non abbiamo bisogno di altri stimoli, sappiamo com’è importante provare a raggiungere chi abbiamo davanti e provare in questo finale di vincere il più possibile. Abbiamo superato dei momenti difficili e adesso stiamo bene».

Il tecnico rossonero ha quindi cercato di allontanare il prossimo incrocio in Champions League con l’Inter: «Due partite fantastiche da vivere con grande intensità, emozione e pathos: semifinale di Champions e in più un derby. Però c’è tempo: sabato abbiamo una sfida molto importante con un avversario che sta molto bene, che è fisico, allenato da un grande allenatore. E’ la squadra che ci sta davanti, sappiamo come affrontarla».

Foto: LaPresse