Seguici su

Ciclismo

Liegi-Bastogne-Liegi 2023: il borsino dei favoriti. Pogacar per un’altra impresa, sfida stellare con Evenepoel

Pubblicato

il

Tadej Pogacar

Mancano ormai poco più di 24 ore alla Liegi-Bastogne-Liegi, quarta classica monumento della stagione, la più antica come data di fondazione. Chiamata per questo “La Doyenne”, arriva all’edizione numero 109 e come sempre servirà anche sostanzialmente per chiudere la finestra della stagione dedicata alle “Classiche di primavera” che lascerà spazio al periodo dei Grandi Giri.

Sulle 11 côtes previste dal percorso lungo 258,1 km, si daranno battaglia alcuni dei migliori interpreti al mondo delle due ruote, con l’ambizione di entrare in uno degli albi d’oro più prestigiosi del panorama internazionale. La domanda che appassionati ed addetti ai lavori (e forse anche i corridori) si stanno facendo è, soprattutto, una: qualcuno può battere Tadej Pogacar?

Lo sloveno ha vissuto sinora una primavera da sogno, vincendo prima il Giro delle Fiandre e poi i “primi due terzi” del Trittico delle Ardenne, ovvero Amstel Gold Race e Fleche Wallonne. Nel fare questo Pogacar ha confermato di avere qualcosa in più rispetto al resto del gruppo, ribadendo come sia inevitabilmente destinato a riscrivere albi d’oro e pagine del libro dei record. Al primo sguardo verrebbe quasi da dire che la risposta alla nostra domanda sia: no, nessuno può battere questo Tadej Pogacar.

Un corridore belga di appena 23 anni che partirà col numero 1 sulla schiena e le strisce iridate sulla maglia potrebbe essere però di diverso avviso. Remco Evenepoel ha a sua volta mostrato di avere qualcosa di speciale e ne ha dato prova proprio su queste strade lo scorso anno. Un duello tra di loro sarebbe dunque realmente “per palati fini”.

Alle spalle dei due fenomeni si staglia poi una serie di corridori la cui vittoria sarebbe, nonostante a volte palmares importanti ma per forza di cose, almeno una piccola sorpresa. I recenti risultati ci hanno mostrato un Giulio Ciccone in grande forma e lui, così come Tiesj Benoot, Thomas Pidcock e Romain Bardet potrebbero essere i corridori più accreditati a dar fastidio alle due stelle. Tra gli altri nomi possibili anche Enric Mas, Sergio Higuita, Mattias Skjelmose, Mikel Landa, David Gaudu, Ben Healy e Jai Hindley.

LIEGI-BASTOGNE-LIEGI, IL BORSINO DEI FAVORITI

***** Tadej Pogacar
**** Remco Evenepoel
*** Giulio Ciccone, Thomas Pidcock
** Romain Bardet, Tiesj Benoot, Ben Healy, Enric Mas
* Mattias Skjelmose, Mikel Landa, David Gaudi, Sergio Higuita, Jai Hindley

 

Foto: LaPresse