Seguici su

Pattinaggio Artistico

Pattinaggio artistico, Mondiali 2023: i favoriti delle coppie. Sfida USA-Giappone per l’oro, Conti-Macii si giocano il bronzo

Pubblicato

il

Miura Kihara

Due gare nella stessa gara? In un certo sì. Salvo colpi di scena a dir poco clamorosi infatti nella prova delle coppie, segmento d’apertura dei Campionati Mondiali 2023 di pattinaggio artistico, assisteremo a due battaglie distinte e separate. Una per la medaglia d’oro, con il coinvolgimento di due team, un’altra invece per il bronzo, con almeno tre rappresentative interessate.

Ma vediamo meglio tutto nel dettaglio. Al momento ci sono due coppie che partecipano letteralmente ad un altro Campionato. Stiamo parlando degli statunitensi Alexa Knierim-Brandon Frazier e dei giapponesi Riku Miura-Ryuichi Kihara. Saranno loro due a giocarsi verosimilmente il metallo più pregiato, con i favori del pronostico tendenti più verso i nipponici, superiori sia tecnicamente sia dal punto di vista della pattinata. I padroni di casa però dovranno essere bravi a non sbagliare nulla e a non lasciare niente sul piatto per evitare di dare troppo spazio ai rivali che, ricordiamo, nell’edizione del 2022 ottennero il primo posto approfittando di quattro errori gravi degli orientali spalmati tra short e libero.

Si aprirà dunque un’altra partita per il gradino più basso del podio, in una lotta in cui saranno protagonisti anche gli azzurri Sara Conti-Niccolò Macii. I Campioni d’Europa in carica infatti se la vedranno principalmente con gli statunitensi Emily Chan-Spencer Howe e con i canadesi Deanna Stellato Dudek e Maxime Deschamps. Chi temere di più tra i due? Difficile dirlo, anche se si teme un altro exploit degli atleti a stelle e strisce, reduci dal secondo posto dei Four Continents, dove sono riusciti a scavalcare la soglia psicologica dei 200 punti.

Pattinaggio artistico, Mondiali 2023: le speranze di medaglie per l’Italia. Guignard-Fabbri vedono il bronzo, dita incrociate per Conti-Macii

Ma i nostri ragazzi potrebbero avere in faretra l’elemento giusto che, se eseguito correttamente all’interno di due programmi puliti, può essere in grado di spostare in modo considerevole gli equilibri. Si tratta della sequenza triplo toeloop/doppio axel/doppio axel, difficoltà dal valore base di 10 punti, un boost importantissimo in grado di far schizzare il punteggio degli allievi di Barbara Luoni in alto in classifica.

Da monitorare infine con una certa attenzione anche i georgiani Karina Safina-Luka Berulava, reduci da una stagione a dir poco tormentata ma in grado di mettere i bastoni tra le ruote ai propri competitors se in giornata positiva.

Foto: Valerio Origo