Seguici su

Sci Alpino

Sci alpino, chi è AJ Ginnis: storico podio per la Grecia in Coppa del Mondo

Pubblicato

il

AJ GINNIS

Lo slalom speciale di Chamonix ci ha consegnato un piccolo ma significativo pezzo di storia della Coppa del Mondo di sci alpino. AJ Ginnis, grazie ad una folle rimonta nella seconda manche, ha centrato un secondo posto storico: per la prima volta infatti, la Grecia è salita sul podio di una gara di Coppa del Mondo.

Quello che è accaduto oggi a Chamonix ha davvero dell’eccezionale, a partire dalle 21 posizioni recuperate da Ginnis nella seconda manche, dopo essersi qualificato in 23a posizione col pettorale numero 45. A scalzarlo dalla “hot seat” ci hanno provato in tanti ma, tra errori ed una pista che andava lentamente peggiorando, uno solo ci è riuscito, l’elvetico Ramon Zenhaeusern, tornato al successo dopo oltre due anni.

Andiamo dunque a conoscere meglio AJ Ginnis che, per storia e provenienza, potremmo definite un vero “carneade”. Per il 28enne la carriera in Coppa del Mondo inizia nel 2014 quando, a Madonna di Campiglio fa il suo esordio con la nazionale USA. Ginnis ha infatti trascorso gran parte della sua adolescenza negli Stati Uniti, frequentando la Green Mountain Valley School e prendendo la nazionalità a stelle e strisce.

Ginnis ha gareggiato per gli USA fino al 2020, centrando ben poche soddisfazioni sul circuito maggiore. Un solo piazzamento nei primi 30, sempre a Madonna di Campiglio. Dopo due anni di grandi difficoltà a causa di infortuni, è arrivata la pandemia a frenare ulteriormente la ripartenza della sua carriera. Date le difficoltà, ed un posto nel team a stelle e strisce sempre più traballante, la federazione greca nel 2020 ha approcciato l’atleta chiedendogli di gareggiare per il suo paese d’origine.

Inizia dunque una nuova avventura per Ginnis che, il 21 dicembre 2020 in Alta Badia, fa il suo esordio con la nazionale ellenica. Dopo una serie di prove difficili, arriva il primo exploit della sua carriera: il 17 gennaio 2021, nel secondo slalom di Flachau riesce a qualificarsi per la seconda manche con un clamoroso 12° tempo. Nella seconda manche riesce anche a recuperare una posizione, finendo 11°. Il pettorale quel giorno? Proprio il 45, esattamente come oggi.

Quello di Flachau rimane il suo miglior piazzamento fino ad oggi, da quel momento un solo altro piazzamento a punti, poco meno di un mese fa, quando fu 20° ad Adelboden. Il ruolino di marcia di Ginnis come avrete capito è piuttosto inusuale: quattro soli piazzamenti a punti in carriera in sette stagioni più o meno complete in Coppa, di cui però un ottimo 11° posto ed un pazzesco 2° oggi. L’abbiamo visto saltare dalla gioia quando ha raggiunto il podio e mai esultanza fu più giustificata.

Foto: LaPresse