Seguici su

Senza categoria

United Cup 2023, Italia-Polonia 1-0: Lorenzo Musetti travolge Daniel Michalski senza difficoltà

Pubblicato

il

L’Italia conquista con irrisoria facilità il primo punto della finale cittadina di Brisbane contro la Polonia in United Cup 2023. Lo porta a casa Lorenzo Musetti, che si libera in maniera davvero semplice di Daniel Michalski con il punteggio di 6-1 6-1, mostrando l’evidente superiorità e differenza di ranking che esiste tra i due (numero 23 l’uno, 260 l’altro).

Due poderosi dritti di Musetti e due errori di Michalski portano al break immediato, confermato con complessivi otto punti di fila. Il toscano si regala altre tre chance sul 3-1; due le annulla il polacco anche con coraggio, ma sulla terza l’azzurro pesca il passante di dritto in corsa del 4-1. Musetti, al servizio, non concede niente, e non è una metafora: vince 12 punti su 12. Il suo avversario prova a prendere la rete quando può, trova qualche buona volée, ma sono casi isolati, nei quali s’infilano anche il doppio fallo e l’errore che concedono il primo parziale all’italiano in 26 minuti.

Tennis, Marin Cilic: “Non avremo mai voluto che Federer lasciasse. Siamo fortunati a vedere giocare Nadal e Djokovic”

Cambia molto poco la musica nel secondo parziale, con il primo break di Musetti che arriva già nel secondo gioco, a 15, in virtù di un errore di dritto di Michalski. Quest’ultimo vince il primo punto in risposta su uno schema palla corta-pallonetto-smash del toscano che ha la sua conclusione in rete. Il diverso peso di palla si sente eccome, e così si arriva senza tante storie al 4-0. Il fatto agonistico dice che il classe 2002 di Carrara con il dritto fa quel che vuole e, se chiamato di rovescio, risponde presente. Michalski riesce a vincere un altro game quando Musetti è avanti 5-0, poi due errori del toscano creano l’unico 15-30 del match. Con il servizio l’azzurro non attende oltre per finire l’opera: 57 minuti, 6-1 6-1.

Imbarazzanti i dati statistici per superiorità del carrarino, soprattutto per il già ricordato 17/18 con la prima. Anche servire il 58% di prime contro il 70% in questa fattispecie basta, stante l’eccesso di differenza tra i due giocatori. E, del resto, parlano da soli anche i 51 punti contro 20.

Foto: LiveMedia/Brigitte Grassotti – LivePhotoSport.it