Seguici su

Hockey Pista

Hockey pista, Mondiali 2022: la Germania blocca l’Italia sull’1-1. Le azzurre chiudono seconde la prima fase

Pubblicato

il

Il muro tedesco blocca le azzurre. Finisce soltanto 1-1 la sfida tra Italia e Germania, terzo e ultimo incontro riguardante la Pool B dei Campionati Mondiali 2022 di hockey su pista femminile, in scena questa settimana a San Juan (Argentina), nel contesto dei World Skate Games 2022.

Una partita per certi versi stramba quella consumatasi sulla pista dello Stadio UPCN, studiata nei minimi dettagli dalle avversarie che, prevedendo un arrembaggio tricolore, hanno preferito giocare con la difesa bassissima, ripartendo quando possibile in contropiede. Una scelta che ha pagato. Non per nulla gli unici due gol sono stati messi a referto su penalty.

Ad aprire le danze è proprio la compagine tedesca: al 18:10 infatti Behrendt viene atterrata a due passi dalla porta, realizzando poi senza patemi l’1-0. Un vantaggio che non cambierà di una virgola il copione del match, con le azzurre abilissime a tramare delle buone azioni di gioco mancando però proprio l’ultimo passaggio, complice anche una retrovia agguerrita e molto attenta.

Hockey pista, Mondiali 2022: l’Italia cerca conferme ed una vittoria con la Francia

Non è un caso infatti che, il piatto forte della casa, ovvero il colpo dalla distanza di Ghirardello, oggi non abbia trovato fortuna, venendo spesso ribattuto dalla fitta rete avversaria, a sua volta molto pericolosa in ripartenza senza però sfondare mai in modo rilevante. In una situazione completamente bloccata, la Germania interferisce sul controllo di Ghirardello, fallo che provoca un all’1:58 un penalty trasformato senza patemi da una super Tamiozzo, che manda all’intervallo l’Italia con una condizione psicologica un po’ più serena.

Nella ripresa saranno semplicemente venticinque minuti di monologo azzurro. Dopo appena un giro di orologio con aggressività ancora Tamiozzo si procura subito un alto penalty ma ,questa volta, si fa ipnotizzare da Pillenkamp, nettamente la migliore in campo. L’Italia però non si scoraggia e crea densità, manovra agilmente a centrocampo in modo corale, esce magistralmente dai blocchi ma non trova il guizzo del vantaggio, rischiando addirittura moltissimo in un paio di azioni dove la Germania si ritrova in un due contro uno completamente inutilizzato. 

Al 7:38 si rischia addirittura la beffa. Francesca Maniero commette un brutto fallo su Zech, gesto che la manda provvisoriamente fuori con un cartellino blu garantendo alle rivali un tiro diretto, fortunatamente gestito come peggio non si poteva. Dopo aver tenuto botta in inferiorità e non essersi risparmiate nell’assedio finale, l’Italia si dovrà dunque accontentare dell’uno pari, ottenendo matematicamente il secondo posto nella Pool B. Nella prima partita ad eliminazione diretta quindi il team guidato da coach Giudice affronterà una tra Cile e Portogallo.

Foto: Marzia Cattini