Seguici su

Formula 1

F1, Sebastian Vettel: “Troppa attenzione sulla Ferrari genera pressione!”

Pubblicato

il

Sebastian Vettel ha detto basta, il tedesco ha chiuso la sua carriera in F1 con il GP di Abu Dhabi. L’Aston Martin è stato l’ultimo team del teutonico e il bilancio della propria carriera è decisamente lusinghiero se si considerano i quattro titoli mondiali ottenuti con l’esperienza in Red Bull.

Indubbiamente, c’è la macchia di non essere riuscito a riportare l’iride in Ferrari. Dal 2015 al 2020 sotto l’insegna del Cavallino Rampante, il campionato è sfumato anche per suoi errori. Un’esperienza di alti e bassi per Sebastian che, a L’Equipe, ha fornito delle risposte interessanti.

Ciò che si vede all’esterno è solo un’interpretazione di ciò che accade realmente. Non avete un quadro completo.
Eppure le loro scelte strategiche o i loro pit-stop vengono criticati e questo non è giusto. Può succedere a chiunque.
Ci facciamo caso perché dietro la Ferrari c’è un intero Paese e non succede da nessun’altra parte. Quindi forse troppa attenzione genera troppa pressione”, le considerazioni di Vettel.

F1, Charles Leclerc sul futuro in Mercedes: “Ho un contratto con la Ferrari fino al 2024, poi vedremo”

Riflessioni che pongono l’accento sulla grande attenzione rivolta all’agire della Rossa, marchio storico del Circus. Un aspetto con cui lui e altri piloti hanno dovuto convivere e devono continuare a farlo.

Foto: LaPresse