Seguici su

Senza categoria

Scherma, il capo delegazione Maurizio Randazzo: “L’Europeo ha dimostrato il valore di questi ragazzi e dei loro tecnici”

Pubblicato

il

Gli Europei 2022 di scherma hanno regalato all’Italia un bottino di medaglie senza precedenti: quattordici i podi totali con ben quattro allori del metallo più pregiato, sette argenti e tre bronzi. Archiviata la rassegna di Antalya è già il momento di voltare pagina e concentrarsi sugli imminenti Mondiali, calendarizzati tra il 15 ed il 23 luglio in quel de Il Cairo.

I rappresentanti azzurri hanno le carte in regola per dominare il medagliere anche nella manifestazione intercontinentale, grazie ad uno squadrone equilibrato che mescola giovani talenti con schermitori di grande esperienza. La strada verso Parigi 2024 è ancora lunga, ma i risultati ottenuti dal gruppo dopo l’Olimpiade di Tokyo (Europeo incluso) non possono che infondere fiducia.

Il capo delegazione e Vicepresidente vicario Maurizio Randazzo ha tracciato un breve bilancio sulle gare andate in scena nella località turca: “Si è concluso un Europeo fantastico, che ha dimostrato il valore di questi ragazzi e dei loro tecnici. Possiamo ritenerci soddisfatti, è un grande risultato chiudere primi nel medagliere”.

Medagliere Europei scherma Antalya 2022: l’Italia vince davanti alla Francia! 4 ori e 14 podi!

“Il fioretto l’ha fatta da padrone, ma anche le altre armi hanno fatto benissimo, dimostrando che possiamo essere competitivi ovunque. Speriamo di mantenere questa forma fino al Mondiale per dire la nostra. Noi ce la metteremo tutta per dare una mano a questi ragazzi – conclude – poi toccherà a loro dare prova di essere tra i primi al mondo per vincere le medaglie anche al Cairo”.

Foto: Lapresse