Seguici su

Rugby

Rugby, Sei Nazioni 2022: l’Italia chiude in Galles sognando di tornare a vincere finalmente

Pubblicato

il

Ultimo appuntamento per il Guinness Sei Nazioni 2022 per l’Italia di Kieran Crowley che domani alle 15.15 scenderà in campo al Principality Stadium di Cardiff contro il Galles. Sfida difficile per gli azzurri contro una squadra in crisi, ferita, ma che vuole chiudere in bellezza, mentre per l’Italia l’obiettivo è interrompere la striscia di 36 sconfitte consecutive nel torneo.

Gli azzurri arrivano dopo la brutta sconfitta con la Scozia, nascosta da un punteggio sufficiente (22-33), ma che ha visto l’Italia subire in maniera incredibile in difesa, con quasi tutte le mete britanniche figlie di banali errori azzurri nei placcaggi. Di contro, invece, palla in mano l’Italia fatica a costruire gioco, con Varney prima e Braley dopo che non hanno convinto in mediana, e le mete arrivate più per folate individuali di Bruno e Capuozzo che per il gioco di squadra. Proprio Capuozzo è una delle due novità nel XV titolare, con l’estremo che giocherà per la prima volta da titolare, con Padovani all’ala al posto di Pierre Bruno, e Marco Fuser in seconda linea con Niccolò Cannone che scivola in panchina.

Il Galles, invece, ha vinto un solo match sino a ora e ha avuto molti problemi di infortuni, ma per l’ultima sfida Wayne Pivac può fare affidamento su un clamoroso ritorno. Il leggendario capitano Alun Wyn Jones, infatti, ha recuperato dal lungo infortunio e sarà in campo dal primo minuto, anche se lascerà la fascia a Dan Biggar. Per il resto prima da titolare a tallonatore per Dewi Lake, mentre Pivac ha rimescolato molto le carte.

GALLES-ITALIA

Galles: 15 Johnny McNicholl, 14 Louis Rees-Zammit, 13 Owen Watkin, 12 Uilisi Halaholo, 11 Josh Adams, 10 Dan Biggar (c), 9 Gareth Davies, 8 Taulupe Faletau, 7 Josh Navidi, 6 Seb Davies, 5 Alun Wyn Jones, 4 Adam Beard, 3 Dillon Lewis, 2 Dewi Lake, 1 Gareth Thomas
In panchina: 16 Bradley Roberts, 17 Wyn Jones, 18 Leon Brown, 19 Will Rowlands, 20 Ross Moriarty, 21 Kieran Hardy, 22 Callum Sheedy, 23 Nick Tompkins
Italia: 15 Ange Capuozzo, 14 Edoardo Padovani, 13 Juan Ignacio Brex, 12 Leonardo Marin, 11 Montanna Ioane, 10 Paolo Garbisi, 9 Callum Braley, 8 Toa Halafihi, 7 Michele Lamaro (c), 6 Giovanni Pettinelli, 5 Federico Ruzza, 4 Marco Fuser, 3 Pietro Ceccarelli, 2 Giacomo Nicotera, 1 Danilo Fischetti
In panchina: 16 Luca Bigi, 17 Ivan Nemer, 18 Giosuè Zilocchi, 19 David Sisi, 20 Niccolò Cannone, 21 Braam Steyn, 22 Alessandro Fusco, 23 Marco Zanon

Foto: Luigi Mariani – LPS