Sanremo 2020: Litigio tra Bigo e Morgan? Ecco cosa è successo

Caos a Sanremo 2020: Bugo abbandona il palco e lascia Morgan da solo, Amadeus senza parole. Ecco cosa è successo

Durante la quarta serata del Festival di Sanremo, Bugo e Morgan sono saliti sul palco per esibirsi, come da programma, con il brano che hanno portato in gara: “Sincero”. Morgan inizia a cantare, ma c’è qualcosa di strano: le parole sono diverse. Pochi secondi dopo Bugo abbandona il palco e lascia il compagno di duetto lì da solo; l’orchestra ovviamente smette si suonare.

Cosa è successo? Morgan, cambiando il testo del brano, ha pronunciato le seguenti parole: «Le brutte intenzioni, la maleducazione, la tua brutta figura di ieri sera, L’ingratitudine, la tua arroganza. Fai ciò che vuoi mettendo i piedi in testa. Certo disordine è una forma d’arte, ma tu stai solo a coltivare invidia. Ringrazia il cielo, sei su questo palco. Rispetta chi ti ci ha portato dentro. Questo sono io…»

Bugo, che già nella serata di ieri era sembrato alquanto insofferente, probabilmente si è rifiutato di esibirsi, dopo aver ascoltato il messaggio di Morgan riferito sicuramente alla sua persona.

Amadeus guadagna immediatamente la scena, è incredulo: «Cosa sta succedendo? Giuro che non è una cosa preparata, vado a cercare Bugo altrimenti non possiamo andare avanti».

Nel frattempo anche Morgan ha lasciato il palco per raggiungere il collega, e così va anche il presentatore mentre Fiorello cerca di intrattenere il pubblico. Al momento si cerca di capire cosa è successo esattamente tra i due musicisti; probabilmente un litigio.

La cosa certa è che, trattandosi di defezione (come annunciato da Amadeus in diretta), con il brano “Sincero” Bugo e Morgan sono eliminati dalla gara del Festival di Sanremo 2020. La cosa sarebbe accaduta comunque, perché da regolamento non si possono cambiare le parole delle canzoni in gara.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteTV, Sanremo 2020. Omaggio a Vincenzo Mollica. Sarà il suo ultimo Festival: il giornalista si commuove
Articolo successivoSanremo 2020, quarta serata giovedì 7 febbraio: dissing fratricida tra Bugo e Morgan, modernità e follia ringiovaniscono il Festival
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".