Premio della critica mia Martini: le parole di Diodato dopo la vittoria a Sanremo

Diodato vince il Premio della Critica: la dedica a Mia Martini

Diodato, vincitore del 70° Festival di Sanremo con “Fai rumore”, si è aggiudicato oltre alla vittoria finale anche il Premio della Critica “Mia Martini” per la sezione Campioni.

I giornalisti accreditati presso la Sala Stampa Ariston Roof gli hanno riservato anche questo prestigioso riconoscimento con 46 voti. Dietro il cantautore d’Aosta, tarantino d’adozione, Tosca (“Ho amato tutto”) con 27 voti; al terzo posto troviamo il rapper Rancore (“Eden”) con 17 voti su un totale di 142 voti validi.

Antonio Diodato ha vinto anche il Premio della Sala Stampa Radio, Tv e web “Lucio Dalla” con 25 voti favorevoli. Al secondo posto Francesco Gabbani con 15 voti, al terzo la band indie dei Pinguini Tattici Nucleari con 13 preferenze.

Subito dopo la vittoria a Sanremo 2020, dal palco de L’altro Festival, Diodato ha espresso tutta la sua soddisfazione per aver ottenuto il premio dedicato a Mia Martini; una delle artiste che più ama e da cui ha tratto ispirazione e insegnamento.

«Sono molto contento di ricevere un premio con questo nome. Perché una delle artiste che ho amato di più nella mia vita e che mi ha insegnato di più, artisticamente parlando» – Ha dichiarato. Il cantante della hit Che vita meravigliosa, con molta sensibilità, ha poi aggiunto: «Non so se questa cosa fa un po’ strano, però lo vorrei dedicare proprio anche a lei questo premio».

Sanremo 2020, Diodato fa incetta di premi: “Ho fatto un tipo di percorso che non è stato così rumoroso”

Il vincitore di Sanremo 70, che nella puntata in onda su RaiPlay si è esibito anche in “Insieme a te sto bene” di Lucio Battisti, ha commentato il suo grande risultato (ottenuto soprattutto grazie alla giuria della sala stampa) e ringraziato i tanti che l’hanno sostenuto: «Voglio ringraziare veramente tutti! In questa settimana ho ricevuto tantissimi messaggi di affetto, di stima; riconoscimenti giorno dopo giorno di gente che mi fermava e mi diceva delle cose incredibili. Ed è incredibile perché io ho fatto un tipo di percorso – sorride – che non è stato così rumoroso, ma era un passettino alla volta!». Il cantante chiude dicendo che il fatto che il suo percorso sia stato riconosciuto da così tanta gente, lo riempie di gioia.

Mia Martini è la vincitrice della prima edizione di “Vorrei cantarti fra cent’anni”, contest di OA Plus che ha decretato la canzone “regina” della storia del Festival della canzone italiana di Sanremo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

 

Articolo precedenteCinema, PUNTI LUCE di Chiara Sani. Quanto brilla Charlize, star della notte degli Oscar!
Articolo successivoSanremo 2020, i top e flop: Amadeus padrone di casa perfetto, Fiorello incontenibile
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".