TOSCA e SILVIA PEREZ CRUZ
In foto: Tosca (sx) e Silvia Pérez Cruz (dx). Crediti Foto: Matteo Rasero/LaPresse 06 Febbraio 2020

Dopo il fortunato e intenso duetto sanremese che le ha viste trionfare nella serata delle cover, ecco che Tosca, l’interprete più raffinata della musica italiana e la voce incantevole della Spagna, Sílvia Pérez Cruz,  si ritrovano finalmente nella versione ‘in studio’ di “Piazza grande”, una cover del celeberrimo brano del 1972 che ha segnato la carriera artistica di Lucio Dalla, con cui partecipò al Festival di Sanremo e che è dedicato alla sua Bologna.

Altro splendido episodio che testimonia l’immortalità del cantautore bolognese: il brano scritto da Dalla insieme a Gianfranco Baldazzi, Sergio Bardotti e Ron in questa veste, che incrocia Italia, Spagna e Portogallo, vede la produzione e l’arrangiamento del fidato Joe Barbieri.

Chitarre, contrabbasso e archi evocano un’atmosfera gioiosa, una festa popolare che sembra trarre ispirazione dalla versione fado già realizzata dal chitarrista Marco Poeta e inserita nell’album “O fado” di Eugenio Finardi, Francesco Di Giacomo è appunto, Marco Poeta del 2001 nonché dalla versione spagnola (“Plaza grande”) incisa sempre nel 1972 dallo stesso Dalla. In realtà leggenda vuole che il brano originale sia un omaggio a “Vou Dar de Beber à Dor” un classico del fado portoghese cantato dalla regina Amália Rodrigues.

Il video di questa nuova versione è un’opera d’arte che ben si fonde con l’immenso capolavoro dalliano, è stato scritto e dipinto totalmente a mano da Andrea Spinelli con il montaggio e la post produzione di Lorenzo Ferrari ed è impreziosito dalla magica figura di Dalla, ritratto al sax.

Tosca racconta che “Quando ho dovuto scegliere il brano da presentare alla serata delle cover del Festival di Sanremo non avevo pensato subito a ‘Piazza Grande’. Poi mi sono ricordata che, quando nel ’94 ero in tournée con lui, Lucio si divertiva a stupirmi facendomi ascoltare alcune cose introvabili a cui aveva lavorato. E così mi è venuta in mente questa sua ‘Plaza Grande’. Il desiderio poi di portare un’artista, donna e straniera, con me su quel palco, come faccio spesso nei miei spettacoli in giro per il mondo, è stato determinante. Sílvia l’ho vista per la prima volta durante un concerto a Roma e ne sono rimasta affascinata. Per me la sua è una delle più belle voci che abbia mai avuto il piacere di ascoltare, una voce talmente magnetica da toccare nel profondo dell’anima chiunque stia lì ad ascoltarla, una voce che racchiude tutto il pathos della tradizione spagnola. Di lei si dice che sia la cantante che canta ogni volta come se fosse l’ultima. Ho deciso così di farmi un regalo e di invitarla a cantare con me in questo omaggio a Lucio, Rosalino, Gianfranco e Sergio. Un mix tra Spagna, Portogallo e Italia.

In effetti la voce di Sílvia, sul palco dell’Ariston, ha lasciato a bocca aperta anche chi non la conosceva; nella sua discografia ci sono interpretazioni da brividi, importanti collaborazioni e un’eleganza sognante.

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui