Questa è la notizia che forse tanti appassionati del genere rap aspettavano da tempo e che oggi, grazie a chi il rap lo conosce bene, è finalmente arrivata. E’ nata TRX, una radio che trasmette gratuitamente via App 24 ore su 24, sette giorni su sette, solo ed esclusivamente musica rap, in tutte le sfumature e le declinazioni possibili del genere. L’idea porta la firma di Paola Zukar, manager ed eminenza grigia dell’hip hop italiano, che ha coinvolto sei big del Rap italiano, da Fabri Fibra a Marracash, ma anche Clementino, Gué Pequeno, Salmo ed Ensi.

 

Il successo di TRX è stato immediato: al suo debutto, la app ha totalizzato circa 70.000 download in 24 ore. E ora l’emittente ha trovato anche una sede fisica dopo alcuni mesi di rodaggio all’interno dei locali di Radio Italia.Radio Italia è il nostro partner industriale, mentre io e gli artisti che partecipano a questo progetto siamo gli editori e i curatori della radio, e collaboriamo attivamente per dettare la linea e deciderne i contenuti – ha spiegato Paola Zukar intervistata da Rolling Stone -. Oggi il rap permea la cultura, la cronaca, la moda, i trend, ha ricadute economiche importanti. Ha bisogno di essere raccontato degnamente e quotidianamente dai suoi protagonisti e da chi lo capisce perché, se non riusciamo a farci conoscere, il rischio è non riuscire a farci capire e a doverci difendere continuamente da attacchi, giudizi e provocazioni”.

L’idea di una radio online nasce guardando all’estero, e neanche troppo lontano. “A ispirarci è stato il progetto di Booba, rap francese, che ha fondato una radio online, OKLM – continua Zukar -. Ascoltandola abbiamo capito che il progetto era tecnologicamente possibile, e anche finanziariamente sostenibile”. La maggior parte dei ragazzi che lavorano alla macchina operativa di TRX sono under 25, e anche gli sviluppatori della app sono due giovanissimi freelance, Francesco Zerbinati e Francesco Prisco, così come il programmatore, Lorenzo Ferri. 

TRX è la prima radio di solo rap in Italia ma si propone di trasmettere musica da tutto il mondo: “Abbiamo un’autonomia del 110% – spiega Zukar – e pian piano cominceremo a implementare sempre più contenuti, programmi e podcast. Non vogliamo mettere il carro davanti ai buoi, quindi non partiremo inaugurando dal nulla un intero palinsesto: costruiremo un pezzettino per volta, badando alla qualità, e puntando soprattutto sulla musica”.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteMusica Italiana, Nuove Uscite. Ivana Spagna lancia Prigioniera Nel Tuo Nido per “dare voce a chi voce non ha”
Articolo successivoLibri, Musica. Freddie Mercury: ecco il libro in cui il leader dei Queen si racconta in prima persona
Margherita Ventura
Laureata in Conservazione dei Beni Culturali presso l'Università di Bologna con una tesi sulla Storia dell'Arte Medioevale, è giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti di Bologna dal 2001. Ha collaborato con le testate giornalistiche Il Resto del Carlino, Corriere Romagna, Casa Vogue e dal 2011 è socia e responsabile insieme ai colleghi giornalisti Enrico Spada, Claudio Bolognesi e Riccardo Rossi di Cless, società cooperativa che si occupa di servizi multimediali ed editoriali. Dal 2016 è responsabile della redazione e conduttrice del programma televisivo LatoA ideato dal giornalista Enrico Spada, in onda sul canale del digitale terrestre Radio Italia Anni 60 TV. Dal 2018 è parte dello staff e personal assistant della giornalista Rai Cristina Tassinari, ideatrice del Festival Internazionale della Disco Music "Disco Diva". Attualmente è autrice e caporedattrice per OAPlus, sezione di OASport dedicata a musica, spettacoli e intrattenimento. Appassionata di arte e musica, si diletta a suonare la chitarra elettrica. Ama la vita, la gente e il rock'n'roll.