"Malandrino" singolo cover

Da una collaborazione del genere era lecito aspettarsi l’ottimo, invece raggiungiamo a fatica il discreto.

TESTO

“Quando ero ancora un ragazzino (Oh-oh, oh-oh)
Volevo fare il malandrino (Oh-oh, oh-oh)
Per strada insieme a mio cugino (Oh-oh, oh-oh)
Coi pacchi sotto al motorino (Come Spadino)

Sembrava un film di Tarantino (Oh-oh, oh-oh)
Balordi che ho ancora vicino (Oh-oh, oh-oh)
Fanno le buste in magazzino (Oh-oh, oh-oh)
Col ferro sotto al lavandino come Il Padrino

Qui in zona basta una chiamata (Brr, brr)
E tu sparisci, abracadabra (Uno, due, tre, puff)
Puttane e spie e gente di strada (Ah)
Attorno a me come Sinatra
Mi porto in tour tutta la squadra (Ehi)
Tutto il locale ci squadra (Ehi)
Questo fa Tony Montana
Ma quando ci passo davanti nasconde orologio e collana (Babbo di minchia)
Per fare la fresca mio fra’ suda freddo in dogana
Finisce al fresco così tanto tempo
Che arreda la cella come fosse casa
Quando andavo a scuola da bambino (Eh)
La gente nella classe mi chiamava “malandrino”
E avevo già l’orecchio fino per le sirene, ni-no-ni-no

Quando ero ancora un ragazzino (Oh-oh, oh-oh)
Volevo fare il malandrino (Oh-oh, oh-oh)
Per strada insieme a mio cugino (Oh-oh, oh-oh)
Coi pacchi sotto al motorino (Come Spadino)

Sembrava un film di Tarantino (Oh-oh, oh-oh)
Balordi che ho ancora vicino (Oh-oh, oh-oh)
Fanno le buste in magazzino (Oh-oh, oh-oh)
Col ferro sotto al lavandino come Il Padrino (Jake)

Metti il gettone che si vola
Gli scooter su una ruota sola (Uon, uon)
Facciamo dentro ai fogli viola (Beh)
Le righe in una botta sola (Tipo vecchia scuola)
Eppure camminiamo ancora
Sopravvissuto ai pericoli (Ah)
Alle lame nel buio dei vicoli
Qui da prima della trap
Prima dei bicchieri di lean e prima del Vicodin
Vivo pure dopo l’overdose (Seh)
Sono Pablo, sono Keyser Söze (Seh)
Sono in giro a calpestare queste piazze
Con la suola delle scarpe nuove (Yeah)
Tra la mia gente senza paura, senza la pula (Uoh, uoh, uoh, uoh)
Ho fatto i soldi senza fortuna, senza fattura
Macchine nere timbrate (Ah)
Portano i dischi d’oro sulle strade (Ah)
Per ricordargli di onorare il padre, frate’ (Oh)

Quando ero ancora un ragazzino (Oh-oh, oh-oh)
Volevo fare il malandrino (Oh-oh, oh-oh)
Per strada insieme a mio cugino (Oh-oh, oh-oh)
Coi pacchi sotto al motorino (Come Spadino)

Sembrava un film di Tarantino (Oh-oh, oh-oh)
Balordi che ho ancora vicino (Oh-oh, oh-oh)
Fanno le buste in magazzino (Oh-oh, oh-oh)
Col ferro sotto al lavandino come Il Padrino”

Non si può dire che Jake la Furia e Emis Killa manchino di esperienza. Con 15 anni di carriera alla spalle e 20 dischi di platino in due, i bad boys milanese hanno un curriculum di tutto rispetto, se a questo aggiungiamo che hanno già collaborato più volte in passato, le aspettative è lecito siano alte… se poi dietro alla console c’è Low Kidd, diciamo pure le aspettative arrivano ad essere altissime. E’ quindi con un po’ di stizza che ci troviamo ad ascoltare “Malandrino”, un brano che parte bene, con un intro ambient urbano che crea suspense, per poi sfocciare in 3 minuti di un misto di trap e gangsta senza un guizzo. Il testo si adegua alla base: solite logorissime citazioni a Il Padrino, Scarface, Suburra e Pablo Escobar, solita storia telefonatissima di piccolo spaccio di strada, solita solfa che ormai ha stancato alla prima barra. Non che il brano sia pessimo: è tutto molto professionale, ma si sente che nessuno delle star coinvolte ha l’ispirazione. Attendiamo l’album per vedere se i 2 ci tengono nascosto qualche gioiello.

VOTO: 6,5/10

AGGETTIVO: ALIMENTARE

SINGOLO: MALANDRINO

ARTISTA: EMIS KILLA & JAKE LA FURIA

ANNO: 2020

ETICHETTA: EPIC

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui