James Blunt ritorna discograficamente al passato e ritorna in tour in Italia. E’ un futuro che guarda al passato quello che sta vivendo e che vivrà il cantautore britannico nello spazio di pochi mesi.

Il 25 ottobre è uscito ufficialmente Once Upon a Mind (anticipato dal lancio del primo singolo, Cold)sesto album in studio ma soprattutto, lo ha dichiarato lui stesso senza  giri di parole, “l’album più onesto che abbia mai scritto”. Onesto perché “rappresenta qualcosa che ho vissuto o che sto ancora vivendo”. Un album nuovo che profuma intensamente di passato, anzi di più, di origini. Sotto ogni punto di vista. Strumentale e musicale, perché Blunt ha abbandonato (almeno per il momento) la parentesi elettronica, e dal punto di vista esistenziale, perché davvero Once Upon a Mind ricorda, anche per la genesi, il suo lavoro d’esordio, “Back to Bedlan“, anch’esso pregno di vita vissuta, di ricordi, di “canzoni su ciò che vivevo in quel momento“.

Un salto indietro di quasi 16 anni, dunque, da quel 2004, che lo vedrà tornare anche in Italia  durante il tour annunciato dopo l’uscita di Once Upon a Mind, un tour che sarà ricchissimo di date europee e praticamente senza soste per il cantautore britannico.

Blunt, infatti, sarà il 25 marzo 2020 al Mediolanum Forum di Milano, il 27 marzo alla Kioene Arena di Padova e il 28 marzo al Palazzo dello Sport di Roma, ma prima e dopo, dal 14 febbraio al 7 aprile, sarà in tour praticamente in tutta Europa e al ritmo forsennato di più di una data ogni due giorni di media. Instancabile Blunt, insomma, che tornando al passato spera di replicare l’incredibile successo del suo album d’esordio che in Uk riuscì a superare  in termine di vendite nel 2005 i Coldplay e Robbie Williams.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS