lady gaga, Ariana Grande, Gaia tra le più scaricate su itunes
In foto: Lady Gaga & Ariana Grande (sx), Gaia Gozzi (dx)

Lady Gaga ha appena lanciato il suo nuovo singolo Rain on me in duetto con Ariana Grande e subito è balzato alla numero uno dei brani più scaricati da iTunes in Italia. Spopola Gaia Gozzi, vincitrice di Amici 19 e protagonista del nuovo format Amici Speciali, con diversi brani di Nuova Genesi; la versione del suo album con l’aggiunta di tre pezzi inediti. Sul podio anche Irama con Mediterranea.

La classifica degli album, invece, vede in prima posizione D-2 del rapper sud coreano Agust D. Ma in seconda posizione c’è proprio lei: Gaia con Nuova Genesi. In Top 10 ritroviamo anche il compianto Ezio Bosso e Diodato, che dopo il lancio di Un’altra estate torna in classifica con il suo ultimo lavoro discografico Che vita meravigliosa. Ma scopriamo insieme le classifiche (brani singoli e album) aggiornata alla giornata di oggi, venerdì’ 22 maggio 2020.

LEGGI ANCHE: Irama e “Mediterranea”: il banalissimo usato sicuro che funziona

Itunes Italia, la Top 10 dei brani più scaricati: “Rain on me” di Lady Gaga e Araina Gaga balza alla numero uno

  1. RAIN ON ME – Lady Gaga & Ariana Grande
  2. DAECHWITA – Agust D
  3. MEDITERRANEA – Irama
  4. IL ROSSO DELLE ROSE – Gaia
  5. CALMA – Gaia
  6. BELA FLOR – Gaia
  7. INSIEME: GRANDI AMORI – Francesco Renga
  8. UN’ALTRA ESTATE – Diodato
  9. CHEGA – Gaia
  10. IL SENSO DI OGNI COSA (2000 VERSION) – Fabrizio Moro

Classifica iTunes Italia: è di Agust D il disco più scaricato. “Che vita meravigliosa” di Diodato in Top 10

  1. D-2 – Agust D
  2. NUOVA GENESI – Gaia
  3. SUMMER 2020: JUNGLE DISCO – Colin
  4. 2AM – Wender
  5. ELO – DrefGold
  6. AND THE THINGS THAT REMAIN – Ezio Bosso
  7. FABRIZIO DE ANDRÈ & PFM: IL CONCERTO RITROVATO – Fabrizio De Andrè e PFM
  8. 100 EDM ANTHEMS – Artisti vari
  9. CHE VITA MERAVIGLIOSA – Diodato
  10. BRD Lifestyle Vol. 1 – BRD

*Classifica aggiornata alle ore 18.00 di venerdì 15 maggio 2020


Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

 

Articolo precedenteElisa: la scommessa vinta di “Pipes & Flowers”
Articolo successivoSara Loreni, “Neve a maggio” segna il ritorno sulle scene dell’artista parmigiana
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".