Irama vola alla 1, AMoroso e Boomdabash conquistano il podio: classifica radio italiani
Grafica a cura di Juary Santini

Classifica Radio Italiani di EarOne dal 26 giugno al 07 luglio 2020

Classifica Radio Italiani. La “guerra” dei tormentoni estivi è nel pieno del suo svolgimento. Nell’ultimo Radio Date sono arrivate in radio tante nuove canzoni per la bella stagione. E anche se non sono entrate nella classifica radio di EarOne, la nuova top 10 risulta rinnovata con un podio che vede Irama volare al primo posto e Alessandra Amoroso & Boomdabash conquistare il terzo gradino del podio. Tra “Mediterranea” e “Karaoke”, “Balla per me” di Tiziano Ferro feat. Jovanotti. 

Fuori dalla Top 3 riscontriamo l’ottima performance anche di Achille Lauro, che con il suo nuovo singolo Bam Bam Twist sale di due posizioni, passando dalla 8 alla 6. In salita anche i The Kolors con Non è vero e Fedez feat. Robert Miles.

Tra i brani in discesa l’ex prima in classifica di sette giorni fa: Guaranà di Elodie.

Le canzoni italiane più trasmesse nella settimana numero 27 del 2020 – Classifica EarOne

  1. MEDITERRANEA – Irama (+5)
  2. BALLA PER ME – Tiziano Ferro & Jovanotti (=)
  3. KARAOKE – Boomdabash & Alessandra Amoroso (+4)
  4. GUARANÀ – Elodie (-3)
  5. NON È VERO – The Kolors (+2)
  6. BAM BAM TWIST – Achille Lauro feat. Gow Tribe (+2)
  7. GOOD TIMES – Ghali (-1)
  8. UNA VOGLIA ASSURDA – J-Ax (+3)
  9. BIMBI PER STRADA (CHILDREN) – Fedez & Robert Miles (+2)
  10. IL SUDORE CI APPICCICA – Francesco Gabbani (-1)

Classifica Radio Italiani: La situazione oltre la Top 10

Oltre i primi dieci brani italiani più trasmessi in radio, troviamo in salita il secondo singolo per l’estate 2020 di Elodie prodotto da Takagi & Ketra, Ciclone, alle 12. In quindicesima posizione debutta Giorgia con la cover di Non sono una signora di Loredana Bertè per il progetto I Love my radio. In chiusura, al ventesimo posto, Non mi basta più di Baby K con la prestigiosa partecipazione di Chiara Ferragni.

LEGGI ANCHE: “Ciclone” di Takagi & Ketra non è la solita hit estiva

Grafica a cura di Juary Santini


Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteCOVER STAR. Chi tiene il palco meglio della sedicenne Courtney Hadwin? La risposta in questo video
Articolo successivoCesare Cremonini: “Grazie maestro Ennio Morricone”
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".