dieta sirt
Crediti foto: #dietasirt/Instagram

La dieta Sirt, di cui anche la cantante Adele ha beneficiato perdendo 30 kg, si è diffusa grazie ad un libro scritto dai nutrizionisti Aidan Goggins e Glen Matten. Definita la ‘dieta del gene magro’, trova la sua spiegazione sull’azione di geni (i geni Sirt) che secondo i due nutrizionisti, aiuterebbero a perdere peso mimando l’effetto delle diete ipocaloriche senza dover mangiare di meno.

Adele
Crediti foto: #dietasirt/Instagram

Già nella prima settimana con la dieta Sirt puoi perdere oltre 3 Kg senza privazioni di alcun tipo. I cibi Sirt, attivano le sirtuine, un gruppo di geni che stimolano il metabolismo e fanno bruciare i grassi, influenzando anche l’umore e i meccanismi che regolano la longevità. ma vediamo quali sono questi cibi:

Peperoncino: quello thailandese è quello più ricco di sirtuina e va usato almeno tre volte a settimana. Attenzione, però, perché il thailandese è molto piccante per cui è meglio usare solo la metà della quantità indicata nelle ricette ed eliminare i semi.

Cioccolato: meglio quello che ha l’85% di cacao e che non è trattato con alcali, sostanze che riducono fortemente i flavonoidi attivatori di sirtuine. Sono concessi tre quadratini al giorno.

Tè verde: ha effetto termogenico, cioè aumenta la quantità di energia che il corpo brucia, contribuendo alla perdita di grassi, ma conservando i muscoli. Meglio la varietà Matcha con aggiunta di un po’ di succo di limone perché migliora l’assorbimento dei nutrienti attivatori di sirtuine.

Levistico: il sapore ricorda sedano e prezzemolo ma è più forte. Si possono usare foglie e gambi tritati per insaporire minestre, stufati, patate, legumi e frittate. Se non si riesce a trovarlo, consigliamo di acquistare i semi in un vivaio e coltivalo in vaso perché è straordinariamente ricco di quercitina, ottimo attivatore di sirtuine.

Caffè: se non dà fastidio, se ne possono bere anche 4-5 tazzine al giorno perché non apporta calorie.

Vino rosso: ottimo il Pinot nero che contiene molto più resveratrolo degli altri e quindi attiva maggiormente le sirtuine. Oltre a berne un bicchiere al giorno ai pasti, visto che il resveratrolo sopporta bene il calore, si può utilizzare in cucina per la preparazione di carni o risotti.

Fragole: sono la fonte più importante dell’attivatore di sirtuine chiamato fisetina. Si può anche pensare di creare un’acqua Sirt aggiungendo delle fragole affettate ad acqua naturale o gassata. Tenerla in frigorifero un paio d’ore.

Noci: tre noci al giorno tutti i giorni perché contribuiscono a ridurre il colesterolo e le malattie del metabolismo.

libro
Crediti Foto: #dietasirt/instagram

Il bello di questa dieta è che non dice quali cibi evitare ma, piuttosto, quali inserire nel proprio piano alimentare quotidiano. Altri cibi Sirt sono: capperi, sedano, grano saraceno, olio extravergine di oliva, cavolo riccio, datteri, prezzemolo, radicchio rosso, cipolla rossa, rucola e soia.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: #dietasirt/instagram