Halloween
Crediti Foto: Owen Humphreys / LaPresse

Il ponte di Ognissanti rappresenta il dolce intramezzo tra le vacanze estive, ormai lontano ricordo, e quelle natalizie che ancora appaiono come un lontano miraggio. Il calendario 2019 gioca a favore di chi vuole approfittarne per godere di qualche giorno di vacanza, in compagnia di amici o famigliari. Il primo Novembre infatti cadrà di Venerdì permettendo così ai lavoratori, senza bisogno di chiedere ferie aggiuntive, di pianificare una bella gita fuori porta. Aggiungendo il Giovedì, nei piani di viaggio, sarà poi possibile trascorrere anche la notte più lunga e spaventosa dell’anno fuori casa.

Due, tre o quattro giorni, indipendentemente dalla vostra scelta, saranno tante le opportunità di divertimento. Da Nord a Sud, Da Ovest a Est ecco alcuni degli eventi da non lasciarsi sfuggire in Italia tra il 31 Ottobre e il 3 Novembre

ROMAGNA 

Quando si parla di Romagna, a fare la parte del leone, sono sicuramente club e discoteche. Dopo la serata in disco cercate un’esperienza da brivido vero? Avete mai sentito parlare del fantasma di Azzurrina, figlia del feudatario di Montebello nel 1375? Scomparve misteriosamente nel nevaio del maniero e non venne mai più ritrovata. Si dice che nelle notti del 21 Giugno, stesso giorno della sua misteriosa sparizione dalla ghiacciaia del castello, il suo grido di aiuto si faccia ancora sentire. Le registrazioni finora effettuate vengono normalmente fatte sentire ai visitatori al termine della visita della rocca. Orario diurno invernale Sabato/Domenica 14:30-18:00, notturno (solo Sabato) 22:30 e 23:00. Prezzo 0-5 anni gratis, 6-10 anni 4€, adulto diurno 8€ e notturno 9€.

MARCHE

Era il 1998 quando la Pro Loco di Corinaldo alzava il sipario su quella che sarebbe diventata, in breve tempo, la “festa delle streghe” per eccellenza. Inizialmente una sola taverna aperta e nel 2002 special guest Dario Argento, non male no? Nel 2003 il Sole 24 ore ha incoronato Corinaldo capitale di Halloween che, nel 2005, ha fatto registrare 90 mila visitatori fra le strade del paese. Nel 2017 è stata eletta miglior destinazione europea per celebrare la festa. Street food, tunnel della paura, torre delle trasformazioni, tantissimi artisti di strada e l’elezione di “miss strega” sono alcuni degli elementi o delle attività che contribuiscono a rendere speciale la serata. Ospite d’eccezione 2019 Roberto Farnesi. Se tutto ciò non è bastato a convincervi, sappiate che questo paese è considerato uno dei borghi più spettacolari di tutte le Marche.

UMBRIA 

A 120 Km dal comune marchigiano di Corinaldo, protagonista della “festa delle streghe”, si trova Assisi; un borgo magico, affascinante e per certi versi unico, indissolubilmente legato a San Francesco, il protettore degli animali. Animali come i pipistrelli, gli esseri viventi notturni per antonomasia, inconsapevoli protagonisti di miti e leggende che da anni ormai sono diventati il simbolo della spettrale festività di Halloween. Un filo conduttore che potrebbe essere utilizzato per “cucire” una visita a una delle più famose mete turistiche italiane, concedendosi magari una “coccola” nella SPA del Grand Hotel Assisi, dopo un bella passeggiata nell’imperdibile e mistico Eremo delle carceri.

TOSCANA

Amanti di videogiochi, fumetti, manga e cosplay? Allora il Lucca Comics rappresenta uno degli eventi migliori a cui affidare il vostro Halloween 2019! La fiera fumettistica toscana, tra le più famose d’Europa nel suo genere, accoglierà anche per questa edizione centinaia di migliaia di visitatori, che popoleranno e animeranno le vie del centro storico cittadino racchiuso all’interno delle mura medioevali. I Tanti ospiti d’onore e il fittissimo programma di spettacoli e attività sono le carte messe in tavola, dagli organizzatori, al fine di garantire divertenti e memorabili “giornate NERD”. Biglietto singolo per Venerdì 31/10 – 18€ (ridotto 16€). La vicina riviera toscana o le terme di Montecatini sono le location che potrebbero aiutarvi a completare il vostro week end.

LAZIO

Non potrebbe esserci Halloween senza mostri o creature oscure; alcune di queste, tra le più artistiche e spettrali, si trovano nel Parco di Bomarzo, in provincia di Viterbo. Posto alle pendici di un suggestivo anfiteatro naturale e nato dall’idea dell’architetto Pirro Ligorio, su commissione di Francesco Orsini, è popolato da esseri mitologici del genere grotesque. Tra i più noti ci sono il mostro dalla fauci spalancate e la casa inclinata. Viterbo, definita la città dei Papi essendo stata sede pontificia per 24 anni, con il suo spettacolare centro storico medioevale (tra i più estesi d’Europa), l’incredibile Civita di Bagnoregio, uno dei borghi più fotografati d’Italia e le famose terme dei Papi potrebbero rendere il vostro pacchetto-vacanze, nelle zone della Tuscia, davvero indimenticabile. Questa zona storico/geografica dell’Italia, del resto, rappresenta l’antica Etruria, luogo in cui la civiltà etrusca visse e prosperò.

PAESI FANTASMA

Negli ultimi anni si è sviluppato in modo importante il turismo legato alle cosiddette “città fantasma”. L’attività dell’esplorare villaggi o paesi abbandonati, si accentua in corrispondenza della festa “horror” per eccellenza. Se è vero che tra le destinazioni più note ci sono le famose, ma lontane, Chernobyl (UCRAINA) e Bodie (CALIFORNIA), è altrettanto vero che l’Italia può comunque rappresentare una validissima alternativa.

ABRUZZO

In Abruzzo, in provincia di Chieti, si trova ad esempio il borgo abbandonato di Gessopalena. Il paese, trovandosi sulla linea Gustav, fu distrutto nel 1944 dai nazisti con cariche di dinamite, diventando oggi un museo archeologico.

CALABRIA

In Provincia di Reggio Calabria, nel comune di Melito di Porto Salvo, troviamo il villaggio di Pentedattilo il cui nome deriva dalla roccia su cui è costruito, che ricorda appunto una mano a cinque dita. Fino a qualche anno fa risultava completamente abbandonato ma ora, grazie all’apertura di alcune botteghe e alla presenza di un ristorante, sta lentamente risorgendo.

BASILICATA

La palma del paese abbandonato più famoso e fotografato, in Italia, spetta probabilmente a Craco, in provincia di Matera. Evacuato nel 1963, a causa di una frana che lo distrusse, e tutt’ora rimasto come nel momento dell’abbandono. Ciò ha conferito al paese un fascino talmente particolare da renderlo perfetto come location per alcuni film internazionali, come ad esempio “La passione di Cristo” di Mel Gibson. Inoltre, secondo gli appassionati di paranormale, Craco sarebbe infestata da presenze spettrali, che risulterebbero essere causa di strani rumori, echi di voci e misteriose forme luminose nelle abitazioni. 

View this post on Instagram

Oggi @italiait fa la #bellascoperta di Craco ? ▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️ ?Special thanks to ? @_giannigiusto_ ? ▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️ . Craco: a ghost village in the land of gullies. A fascinating destination in Basilicata. How about a visit to Parco Museale Scenografico? . See the link in bio . — . Craco: un villaggio fantasma nella terra dei calanchi. Meta affascinante che unisce arte, storia e paesaggio nel cuore della Basilicata. Visitiamo insieme il Parco Museale Scenografico, cosa ne dite? . Leggi il link nella bio . — ▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️ ?Use #ilikeitaly ▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️▫️ . #basilicata . — . #cntraveler #bestintravel #lonelyplanet #bbctravel #cnntravel #bestintravel  #iamatraveler #travellinthroughtheworld #beautifuldestinations #yallersitalia #volgoitalia #travelawesome #travelandleisure #italian_places #igersitalia #travel_drops #italianlandscapes #loves_italia #best_italiansites #italy_vacations #tesori_italiani #italy #italia #southitaly @yallersitalia @yallerscampania @volgoitalia

A post shared by Basilicata (@basilicataturistica) on

FESTE E TRADIZIONI

Alcune regioni italiane rappresentano e incarnano al meglio il legame, estremamente fiero, con la storia e la tradizione. Questo è sicuramente il caso del trio Molise-Sardegna-Sicilia. Se siete alla ricerca di qualcosa di autentico e diverso dal solito, recarvi in una di queste terre potrebbe garantirvi l’Halloween perfetto.

SICILIA

Antica tradizione siciliana vuole che tutti i bambini, la sera del 31 Ottobre, scrivano una lettera per i cari defunti, specificando al meglio i doni che intendono ricevere, e provvedano a nasconderla in qualche stanza della casa assieme a una scodella piena di dolci, come ad esempio la frutta “martorana” (tipici dolcetti di pasta di mandorle). Il primo Novembre poi, una volta trovato il tanto atteso regalo, in compagnia dei genitori si recano al cimitero per ringraziare il proprio benefattore.

MOLISE

A Carovilli invece, provincia d’Isernia, la sera di Ognissanti ha luogo la festa della “Mort cazzuta” in occasione della quale viene organizzato il convito, una cena in cui partecipano amici e parenti e il cui piatto principale sono le “sagne e jierv” : sagnette preparate con farina e acqua, condite con verza e pancetta di maiale. Al termine della serata viene lasciato, sul davanzale, un piatto della pietanza affinché possano cibarsene i parenti defunti, con accanto una zucca svuotata e intagliata con varie espressioni. Il nome “mort cazzuta”, nel dialetto locale, significa appunto tagliata.

SARDEGNA

In Sardegna invece, durante la celebrazione di “Is Animeddas”, i bambini vestiti di stracci compiono i loro pellegrinaggi lungo le vie del paese, bussando a ogni porta e chiedendo un piccolo dono per le anime più sfortunate. Secondo la tradizione isolana, alla vigilia di Ognissanti, si prepara poi una cena per le anime in viaggio a base di maccheroni freschi, vino e acqua, al fine di rifocillarle.

CAMPANIA

Una delle tappe imperdibili per Halloween è lo storico cimitero delle Fontanelle di Napoli, uno dei più antichi della città, fonte di leggende e tradizioni legate alle cosiddette “anime pezzentelle”, ossia i teschi custoditi nella necropoli. Sapete che è possibile adottarne uno? Il rito consiste proprio nel prendersi cura del cranio di un’anima abbandonata, in cambio di protezione. L’itinerario, nella Napoli delle superstizioni e tradizioni, prosegue il 2 Novembre nel rione Sanità, uno dei più ricchi di storia, e si conclude con l’immancabile assaggio del torrone dei morti. La splendida costiera napoletana, ricca di luoghi incantevoli come Sorrento, Pompei, Ercolano o l’isola di Capri, potrebbe ricamare il classico week end indimenticabile.

Domenica sei dei nostri? Prenota allo 081 1925 6964 https://goo.gl/7ZDgiz

Pubblicato da Cimitero delle Fontanelle su Venerdì 8 febbraio 2019

PUGLIA

In Puglia, più precisamente a Orsara (FG), si festeggia ogni anno il più grande contro-Halloween d’Italia. Se siete alla ricerca di qualcosa di sovversivo, trascorrere un week end in questo borgo potrebbe regalarvi tutto ciò che più desiderate. Infatti “Fucacoste e cocce priatorje” (Falò delle teste del purgatorio), è la notte più lunga e luminosa dell’anno, in occasione della quale ogni via e piazza del paese presenta un covone che arde. Negli ultimi dieci anni non meno di 200mila persone sono giunte fino a qui per scoprire storia, spettacolo e sapori di questa grande ricorrenza. Oltre 100 testate giornalistiche hanno narrato dell’evento, che ha trovato spazio anche in dirette televisive RAI e BBC inglese. Niente streghe e dolcetti, solo un momento di condivisione e commemorazione. Consigliato giungere nel borgo già dalla mattina, per trovare parcheggio più facilmente.

Articolo coi consigli su come passare la notte più spaventosa dell’anno nel Nord Italia.

Potete seguire i miei viaggi anche sui canali social:

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: LaPresse