Coronavirus musica emergenza: la bella iniziativa di SOundreef e i provvedimenti SIae
Crediti Foto: Pixabay

La Siae chiude gli sportelli presso le sedi territoriali e riduce il numero di prestazioni. Soundreef aiuta gli autori anticipando parte dei loro compensi. 

Siamo in piena emergenza Coronavirus e l’italia è diventata interamente “zona rossa”. Le nuove misure restrittive e il blocco di tutte le manifestazioni pubbliche fino al 3 aprile stanno creando grandi problemi anche a livello economico, e ovviamente da questi non è esclusa nemmeno l’industria musicale.

Anzi, il settore sta facendo i conti con un blocco produttivo mai visto prima e a risentirne sono soprattutto i luoghi adibiti alla musica, come sale concerto e auditorium, e ovviamente i tantissimi artisti che vivono e lavorano nel nostro Paese. Per questo le due principali
società di gestione collettiva di diritti d’autore (Siae e Soundfree) hanno iniziato e stanno continuando a prendere provvedimenti volti ad ammortizzare il problema economico per questi soggetti. Ottima l’iniziativa di Soundreef che aiuta praticamente gli artisti nell’affrontare questo periodo difficile per chi si guadagna da vivere soprattutto attraverso le sue canzoni ed esibendosi live.

Coronavirus: Siae chiude le sedi territoriali e rimanda i pagamenti per la musica d’ambiente

La Siae (Società italiana degli autori e degli editori), ha comunicato che l’erogazione dei servizi e delle prestazioni presso gli sportelli degli Uffici territoriali SIAE (Filiali e Mandatarie) potrebbe avvenire in forma ridotta alla luce delle recenti disposizioni governative inserite nel DPCM del 09 marzo 2020 che hanno esteso a tutto il territorio nazionale le misure di contenimento per l’emergenza Corona Virus già previste con il DPCM del 08 marzo 2020. Al momento, inoltre, restano chiusi gli sportelli autori nelle sedi di Roma, Torino, Bologna, Bari, Napoli e Palermo; e nelle filiali di Bolzano e Genova.

La Siae invita a contattare gli uffici via mail o via telefono prima di recarsi sul posto e di consultare sempre il sito ufficiale nella sezione “Uffici SIAE in Italia”. Resta invece attivo il portale online per la sottoscrizione ed il rinnovo degli abbonamenti per la Musica d’ambiente, il cui termine però è stato prorogato ancora: dal 20 marzo al 17 aprile.

Soundreef: l’iniziativa della collecting society a sostegno degli autori per l’emergenza Coronavirus

Soundreef, diretto competitor di Siae in quanto a tutela dei diritti d’autore, ha invece dato avvio ad un’utile iniziativa per aiutare gli artisti che in questo momento si trovano in difficoltà.

Tutti gli iscritti che nel 2019 non hanno oltrepassato la soglia di 10mila euro di royalty di incasso, accederanno in maniera automatica ad un fondo speciale erogato dall’ente stesso. Per dare un sostegno, verrà stanziato loro un anticipo sulle royalty pari al 50% di quanto maturato l’anno scorso. Soundreef, quindi, accrediterà direttamente l’importo sui loro account online il prossimo 20 marzo.

«In questo difficile momento per il nostro Paese e per l’industria musicale, non abbiamo potuto né voluto restare indifferenti». Ha commentato così l’amministratore delegato di Soundreef Davide d’Atri. «Per questo abbiamo deciso di dare il nostro contributo e di sostenere i nostri autori. Il nostro pensiero e la nostra solidarietà vanno anche a tutti gli organizzatori di concerti ed eventi live che in questo periodo hanno dovuto interrompere le proprie attività. Siamo fiduciosi che insieme, facendo fronte comune, riusciremo a superare questo momento».

L’iniziativa è stata molto apprezzata dagli iscritti e la società ha diffuso la notizia anche sui suoi canali social ufficiali, dove ha aggiunto un messaggio ottimista che infonde seranza: “Siamo fiduciosi che insieme, facendo fronte comune, riusciremo a superare questo momento di difficoltà”.

Crediti Foto: Pixabay


Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteBlack Pumas, è uscito il nuovo singolo OCT 33
Articolo successivoCoronavirus, tutti i concerti cancellati fino al 3 aprile. Ecco come richiedere il rimborso dei biglietti
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui