Coronavirus: muore Detto Maian, musicista italiano
Crediti Foto: Youtube

Detto Mariano, compositore, paroliere e arrangiatore, è morto durante la notte in seguito al peggioramento delle sue condizioni di salute dopo aver contratto il COVID-19. Nell’arco della sua carriera aveva scritto canzoni e arrangiato brani per numerosi artisti nazionali come Mina, Celentano, Battisti e Al Bano. 

Il musicista italiano aveva contratto il Coronavirus. A dare l’annuncio della sua morte, l’amico e collega Gianni Dell’Aglio: “La notte scorsa Detto Mariano ci ha lasciato… Resterà nella storia della musica italiana e ne cuore di tutti i suoi amici” – ha scritto il batterista e percussionista.

Detto Mariano era nato 27 luglio 1937 a Monte Urano in provincia di Fermo, nelle Marche. Come ricordato da Dell’Aglio è stata una vera e propria leggenda della musica leggera italiana. Nella sua carriera ha collaborato, infatti, con artisti del calibro di Mina, Adriano Celentano, Lucio Battisti e Albano Carrisi. Ma anche, più recentemente, con Cristina D’Avena.

Ha scritto una quarantina di canzoni tra cui Ciao Amore di Adriano Celentano, L’immensità e Canzone di Don Backy, ma ha composto brani anche per voci femminili. Sue sono anche Acqua di mare di Romina Power e Ratataplan di Raffaella Carrà.

Per molti anni la sua attività principale è stata quella di arrangiatore. Con grande successo ha firmando gli arrangiamenti del disco di Mina del 2017, Tutte le migliori, e anche canzoni per Lucio Battisti; Balla Linda per citarne una, e altre per Celentano e Albano Carrisi, come le celebri Il ragazzo della via Gluck e Nel Sole.

A partire dagli anni Ottanta si è dedicato anche alla composizione di colonne sonore per il cinema e nel 2006 è stato insignito del prestigioso Leone d’oro alla carriera.

LEGGI ANCHE 80 anni di Mina: una voce, una donna, una canzone infinita

Credit Foto: Youtube


Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteRubrica. DENTRO LA CUCINA DI STEFANO VEGLIANI. La pizza gourmet di Gino Sorbillo per allietare la quarantena
Articolo successivoMina live alla Bussola. L’ultimo concerto di un mito
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".