Tutti pazzi per Armine Harutyunyan, modella di origini armene non professionista scelta da Gucci per la sfilata della collezione primavera/estate 2020. Da quando la modella  ha sfilato sulle passerelle di Milano a settembre 2019 per lo stilista, il mondo della moda e non solo non fa che parlare di lei: nata in Armenia 23 anni fa, la modella in realtà fa di lavoro la grafica e sul suo profilo Instagram conta 130 mila follower.

 

View this post on Instagram

stars fill my dreams , yes corny✨

A post shared by Armina 🇦🇲 (@deararmine) on

Armine è finita spesso nel mirino degli haters dei social per il suo aspetto, diventando vittima di body shaming per quel suo viso così particolare che non corrisponde ai canoni di bellezza tradizionale: viso ovale, naso adunco, sopracciglia folte, è stata oggetto di insulti anche sulla scia di una notizia, in realtà non confermata da alcuna fonte, secondo cui sarebbe stata inserita dalla casa di moda Gucci tra le centro modelle più sexy del pianeta.

Di lei ha dichiarato all’Ansa il fotografo di moda Oliviero Toscani: “Per me niente di nuovo. E’ da anni che ho un ufficio che fa ricerche di visi particolari. E’ bellissima quella ragazza, ha un volto interessantissimo, esprime una forma di intelligenza. Non è una barbie doll, non è un oggettino. E’ una bellezza molto più complessa”.

 

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: Facebook/Armine Harutyunyan

Articolo precedenteKenosha: Trump attacca manifestanti Blm e sindaco democratico
Articolo successivoCinema. “Mulan”
Margherita Ventura
Laureata in Conservazione dei Beni Culturali presso l'Università di Bologna con una tesi sulla Storia dell'Arte Medioevale, è giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti di Bologna dal 2001. Ha collaborato con le testate giornalistiche Il Resto del Carlino, Corriere Romagna, Casa Vogue e dal 2011 è socia e responsabile insieme ai colleghi giornalisti Enrico Spada, Claudio Bolognesi e Riccardo Rossi di Cless, società cooperativa che si occupa di servizi multimediali ed editoriali. Dal 2016 è responsabile della redazione e conduttrice del programma televisivo LatoA ideato dal giornalista Enrico Spada, in onda sul canale del digitale terrestre Radio Italia Anni 60 TV. Dal 2018 è parte dello staff e personal assistant della giornalista Rai Cristina Tassinari, ideatrice del Festival Internazionale della Disco Music "Disco Diva". Attualmente è autrice e caporedattrice per OAPlus, sezione di OASport dedicata a musica, spettacoli e intrattenimento. Appassionata di arte e musica, si diletta a suonare la chitarra elettrica. Ama la vita, la gente e il rock'n'roll.