Fase 3, matrimoni
Crediti Foto: Shutterstock.com

Novità riferita dal Cei, gli sposi torneranno a baciarsi sull’altare. Il sacerdote, invece, dovrà ancora indossare la mascherina e rispettare il distanziamento sociale durante la celebrazione dei matrimoni

I futuri coniugi potranno nuovamente baciarsi sull’altare. Cade l’obbligo, infatti, per gli sposi d’indossare la mascherina durante la cerimonia. A riferire la novità è stata direttamente la Cei (Conferenza Episcopale Italiana). Resta invece per il sacerdote l’indicazione di proteggere le vie respiratorie e di rispettare il “distanziamento sociale” durante la celebrazione dei matrimoni.

Il Comitato Tecnico Scientifico, interpellato dal Viminale, ha sostenuto che marito e moglie non possono, per ovvia ragione, considerarsi estranei tra loro. Pertanto, quest’ultimi, non hanno alcun obbligo d’indossare la mascherina protettiva. Il Cts, inoltre, ritiene anche che tale raccomandazione possa estendersi alla celebrazione del matrimonio secondo il rito civile o secondo le liturgie delle altre confessioni religiose.

Sempre in ambito liturgico, già da oggi (sabato 27 giugno), è prevista un ulteriore novità: non sarà più obbligatorio, per i celebranti, indossare i guanti monouso durante la distribuzione della Comunione. Il Cts, in ogni caso, raccomanda che il sacerdote “proceda a una scrupolosa detersione delle proprie mani con soluzioni idroalcoliche”. Restano le raccomandazioni, ai fedeli, di detergersi le mani prima di ricevere l’ostia e di continuare a evitare la “Comunione” direttamente in bocca.

SEGUI OA PLUS SU INSTAGRAM 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: Shutterstock.com

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui