Di Chiara Sani

All’edizione 2020 dei Nastri d’Argento, il regista Pupi Avati (che ha condiviso il premio con il fratello Antonio e il figlio Tommaso) si è aggiudicato il premio Miglior Soggetto per il suo film Horror/gotico, IL SIGNOR DIAVOLO!

Un vero colpaccio, per un progetto totalmente diverso dai film che concorrevano in quella categoria, a conferma dell’unicità del talento inesauribile di Pupi Avati, che non smette mai di stupire.

Il film, uscito nel 2019, ottenne un grandissimo successo di pubblico e critica, piazzandosi al primo posto tra i film italiani (solo dietro all’action movie americano ‘Fast and Furious’) per diverse settimane.

Personalmente, ho avuto il meraviglioso privilegio di far parte di questo film unico e geniale… così ho telefonato al ‘mio-regista-preferito’ e gli ho chiesto di esprimere un commento riguardo questa speciale consacrazione ai Nastri d’Argento:

Innanzitutto è stata una grande gioia ricevere questo premio perché IL SOGGETTO E’ L’ORIGINE DI UN FILM. L’ideadi una storia da raccontare cinematograficamente è come lo ‘spermatozoo’ della creatura che è il film. Inoltre, un premio così importante nell’industria del cinema italiano, attribuito ad un FILM DI GENERE, come ‘Il Signor Diavolo’, un horror-gotico,costituisce un precedente importantissimo. Spero e mi auguro che questo premio apra le porte al genere horror in Italia, dal momento che all’estero questi film sono da sempre molto apprezzati e premiati, sia dal pubblico che dalla critica…

Poi Pupi Avati ha sottolineato il suo storico legame con i Premi Nastri d’Argento:

Ormai sono 50 anni che io e mio fratello Antonio realizziamo film e partecipiamo a questi importanti eventi e Festival… Essere stati apprezzati e premiati ai nastri d’Argento 2020 è la conferma che SIAMO ANCORA QUI e che, generazione dopo generazione, sopravviviamo nel cinema italiano e internazionale”.