Booming

L’arte in emergenza, necessaria per cambiare i ritmi frenetici di quest’epoca

In occasione dell’Art Week che si terrà a Bologna dal 23 al 26 gennaio, vi segnaliamo un importantissimo evento, il BOOMing Contemporary Art Show.

Patrocinato dalla Regione Emilia-Romagna e dal Comune di Bologna, e con la produzione di “Doc Creativity“, il BOOMing rivolge la sua attenzione a gallerie, associazioni e spazi di ricerca in procinto di emergere, inteso anche come “necessità di far emergere”. Vi saranno artisti che condividono un sentimento di emergenza, intesa come urgenza di espressione rispetto ai tempi moderni e al ruolo dell’arte in questa epoca così poco contemplativa e sempre più frenetica.

Il suffisso BOOM-ing, indica un processo in perenne addivenire, un’arte necessaria, portatrice di cambiamento, che si pone criticamente di fronte a un’epoca divorata dai ritmi disumani.

La nuova fiera d’arte contemporanea, alla sua prima esperienza, si svolgerà negli spazi rigenerati di DumBO, in via Casarini, 19. Quasi 40.000 metri quadrati a poca distanza dal centro e dalla stazione. Capannoni e aree aperte destinati a cultura, arte, innovazione sociale, lavoro, musica e sport per attività trasversali e sempre diverse, in stretta relazione con il territorio.

L’evento sarà suddiviso fondamentalmente in due tematiche, La Main Section, correlata al concetto di “Climax”, l’emergenza ambientale, la natura in pericolo, la fragilità e la bellezza del nostro pianeta e Solo Show, dedicata invece ai “femminismi”, ponendo al centro, le donne, ancora sottorappresentate nel sistema e nel mercato dell’arte.

Parteciperanno figure femminili di spicco del panorama artistico nazionale e internazionale, tra le quali la celebre fotografa Letizia Battaglia (alberto damian | a gallery without walls), l’artista argentina Silvia Levenson (BI-BOx Art Space) e la francese MadMeg (Gasparelli Arte e D406 Arte Contemporanea).

Fiera d’arte e molto altro ancora, BOOMing presenta anche una selezione di progetti, eventi, spazi speciali e premi, insieme a due mostre off realizzate con la preziosa collaborazione di Galleria Cavour Green e Palazzo Boncompagni.

All’ingresso si potrà ammirare una monumentale opera di arte e tecnologia, ma è solo la prima delle grandi sorprese, si perché per la prima volta, sarà anche possibile ammirare i lavori artistici di Luca Carboni, grazie alla personale “Cattedrali erranti” a cura di Maria Letizia Tega che sarà allestita nello spazio “Via Casarini, 7”, così chiamato in omaggio alla strada che ha dato i natali all’artista e che oggi ospita BOOMing e lo spazio DumBO.

Ci sarà anche PLASTICAd’A-MARE, il primo eco festival plasticfree, e ancora l’evento speciale in compagnia degli street artist Corn79 (Il cerchio e le gocce) e Kiki Skipi che si esibiranno in un live painting, sabato 25 gennaio, dalle ore 19.00.

BOOMing non vuole essere una semplice fiera d’artespiega la critica d’arte, direttrice dell’evento, Simona Gavioli “ma vuole trasformarsi in un giardino fruttifero, brulicante di tesori emergenti. Vuole essere la guida che accompagna questi tesori dal momento della nascita di un’urgenza interiore fino a quello della loro esplosione. E lo fa in una città ormai pronta ad accogliere un’arte che non sia solo al servizio dell’estetica, ma che è ormai decisa a impegnarsi per qualcosa di più, per diventare una scintilla di cambiamento, progresso e miglioramento

Incuriosisce sicuramente questo nuovo modo di concepire l’arte e allora perché non approfittare di questa splendida occasione del weekend dell’arte a Bologna per immergersi in questa magica atmosfera d’autore emergente?

Potrete trovare gli orari degli eventi e il costo dei biglietti sul sito

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS